Politica

De Luca: "Se non ci muoviamo con attenzione, ci giochiamo l'estate"

Il presidente della Regione ha fatto il punto sull'emergenza da Covid-19 in Campania nel corso della sua consueta diretta social del venerdì pomeriggio

De Luca

"Abbiamo avuto una settimana di discussioni e conflitti rispetto alle scelte del Governo Draghi. Abbiamo registrato contraddizioni, soprattutto sulla scuola. Questa mattina ho fatto un’ordinanza per i dirigenti scolastici di mantenersi al 50% della presenza per le superiori, se non esistono le condizioni di sicurezza. L’anno scolastico ormai è saltato, ad un mese dalla chiusura. Si affrontano i problemi solo per motivi ideologici. Si può dire riapriamo di sera fino alle 22, parlando anche ai ristoratori, senza prenderli in giro? Sarebbe ragionevole chiudere i ristoranti entro le 23 e consentire il rientro a casa entro le 23,30, magari esibendo lo scontrino per chi è andato al ristorante e mantenere il coprifuoco, che per me è ancora necessario a lungo. Abbiamo assistito ad altre sceneggiate mediatiche di qualche esponente della Lega, che non ha detto una parola su come frenare la movida ed evitare che esploda una fiammata di contagi. Se non ci muoviamo con attenzione, ci giochiamo l’estate. Lo dico oggi che siamo ad aprile. Se non usiamo l’intelligenza, rischiamo poi di chiudere tutto. Per alcune categorie come il settore turistico e alberghiero, bisogna prendere decisioni subito, perché fra un mese e mezzo sarà troppo tardi. Fasce, controfasce e colori: siamo nelle mani di nostro Signore. Stiamo attenti. Se immaginiamo la libera uscita per tutti, ci giochiamo la stagione estiva e richiudiamo l’Italia. Chi fa ammuina adesso, sono quelli hanno la responsabilità di aver fatto riemergere il contagio a settembre, avendo pagato l’allegria dei mesi precedenti, sulla spinta di chi a giugno-luglio voleva aprire tutto. Nessun rilassamento e grande senso di responsabilità". Così il presidente della Regione Vincenzo De Luca, che ha fatto il punto sull'emergenza da Covid-19 in Campania nel corso della sua consueta diretta social del venerdì pomeriggio. 

Il Governatore è tornato anche sulla questione scuole: "Nei primi 7 giorni di apertura nell’Asl Napoli 1 abbiamo registrato 189 casi di positività: 33 nelle scuole dell'infanzia, 99 nella scuola primaria, 28 positivi nelle medie di primo grado e 29 nelle scuole superiori. I contatti scolastici costretti in quarantena sono 3000. Questo problema va affrontato senza ideologismi e con molto senso di responsabilità. Vorremmo aprire tutto, ma non è possibile. Mi auguro che non si accendano focolai pericolosi, per problemi ideologici". 

"Nella prossima settimana distribuiremo le tessere di avvenuta vaccinazione per i cittadini che hanno ricevuto anche la seconda dose.  Dobbiamo bruciare i tempi e completare la vaccinazione di tutti i cittadini entro l’autunno, rischiamo di andare incontro ad un calvario, nel caso in cui emergessero nuove varianti. A quel punto bisognerebbe ricominciare da zero. In Campania attendiamo sempre 200mila vaccini che ci spettano. E' una vergogna. Rinnovo la mia critica al commissario di Governo Figliuolo, che invito ad andare in giro in abiti civili, piuttosto che in abiti militari. L'immagine, per chi ha una funzione civile, non deve ricadere sulle forze armate ed esporle alla polemica politica. Nel nostro Paese siamo affezionati alla teatralità. Noi nei prossimi 10 giorni completiamo la vaccinazione delle fasce deboli, dei pazienti fragili, degli ultraottantenni deambulanti, degli over 70. Per gli over 60 che non si presentano, organizzeremo giornate ad accesso libero. Non possiamo perdere tempo. Per le isole procederemo come già detto. Ieri ho incontrato l'ambasciatrice dell'India. Lì producono il vaccino Pfizer. Potremmo approvvigionarci anche in India, ma il Governo italiano dorme in piedi", ha aggiunto De Luca parlando della campagna vaccinale. 

"Voglio fare una precisazione sui dati sanitari in Campania. Il dato che certifica il contagio in una regione è quello dell'occupazione delle terapie intensive. Gli altri dati sono gestiti a come capita. Noi ci stiamo muovendo con rigore assoluto, anche per quanto riguarda i dati. Siamo la regione che ha il livello più basso, in base alla popolazione, di occupazione delle terapie intensive e dei decessi. Siamo all'avanguardia, così come sulla vaccinazione degli ultraottantenni", ha precisato il Presidente della Regione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Se non ci muoviamo con attenzione, ci giochiamo l'estate"

NapoliToday è in caricamento