menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca

De Luca

De Luca: "Anomalo il numero dei sintomatici in Campania. Dato confortante sulle terapie intensive"

Il Presidente della Regione ha fatto il punto della situazione in Campania nella consueta diretta social del venerdì pomeriggio

"Non sarà una Pasqua normale. Credo che avremo modo di ritrovarci nelle nostre famiglie, anche in una situazione non semplice. Dobbiamo cominciare ad entrare in uno stato d'animo diverso e proiettarci verso il futuro, pensando a quella che potrebbe essere la nostra vita fra due o tre mesi. Dobbiamo iniziare il cammino per uscire da questo calvario, a condizione che non commettiamo errori. Vogliamo metterci alle spalle quest'anno drammatico e pesante. In Campania i contagi sono numerosi, ma due dati sono importanti e ci confortano: quello delle terapie intensive, la metà sono occupate. Per quanto riguarda i decessi siamo a sei volte in meno della Lombardia, la metà del Veneto e di altre grandi regioni. Stiamo avendo una buona tenuta e siamo riusciti a non chiudere i reparti ordinari. Ad oggi riusciamo a non avere emergenze particolari, pur se in una situazione difficile. I dati quotidiani del contagio ci dicono che abbiamo circa 2000 positivi al giorno. Il dato anomalo è quello dei sintomatici, anche se alcuni sono paucisintomatici, per questo non abbiamo le terapie intensive ingolfate. Stiamo cercando di capire il perchè di questo dato anomalo. La variante inglese aggredisce in maniera più forte la popolazione giovane, secondo le prime valutazioni. Abbiamo ancora piccole aree di irresponsabilità, ma la stragrande maggioranza dei cittadini sta rispettando le regole. Se lo facciamo, usciremo prima da questo calvario". Così il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha fatto il punto sull'emergenza da Covid-19 in Campania nel corso della consueta diretta social del venerdì pomeriggio.

Il Governatore ha parlato anche della questione vaccini: "Sulla campagna di vaccinazione stiamo avendo buoni risultati. Nella nostra regione nessuno ha scavalcato nessuno. Con la vaccinazione in massa del personale sanitario, abbiamo ora ospedali sicuri. Anche per gli ultraottantenni i dati sono buoni. Un risultato importante c'è anche per il mondo della scuola. Abbiamo poi iniziato nelle ultime settimane anche il lavoro sui pazienti fragili. Abbiamo avuto un'emergenza per quanto riguarda le forniture e la disponibilità dei vaccini. Abbiamo ricevuto in generale poche dosi, ma ancora meno rispetto a una tipologia di vaccino, il Moderna, che è di più facile conservazione e utilizzo. Dobbiamo accelerare. Per questo abbiamo chiuso un contratto per forniture di vaccino Sputnik, quando sarà autorizzato dall'Ema. Oggi ci stiamo vaccinando con un vaccino che risponde al virus di un anno fa, ma come tutti sanno sono emerse queste nuove varianti. Per questo dobbiamo muoverci, per immunizare tutti ed evitare che emergano nuove varianti. Massimo ad inizio autunno dovremo immunizzare tutti i cittadini. Oggi abbiamo 140 punti di somministrazione dei vaccini su tutto il territorio regionale. Dobbiamo essere in grado in Campania di fare 70mila vaccinazioni al giorno. Questo significherebbe che entro l'estate, massimo inizio autunno, potremmo completare l'immunizzazione di tutti i cittadini campani e tornare alla vita normale. Questo è l'obiettivo da raggiungere. Ora dobbiamo completare la vaccinazione degli ultraottantenni e dei pazienti fragili. Poi per fasce di età con gli ultrasettantenni. Noi pensiamo di utilizzare i medici di famiglia per vaccinare i non deambulanti. Dovremmo farcela per fine aprile. Dedicare, poi, il personale pubblico per vaccinazioni per fasce di età e poi per categorie economiche, come gli operatori turistici. Tra gli obiettivi c'è l'immunizzazione di tutti i cittadini delle isole e successivamente il personale del settore di altri luoghi di maggior afflusso turistico".

"Entro l'estate - ha aggiunto De Luca - dovremo vaccinare anche extracomunitari non regolari, che sfuggono al controllo e non si presentano perchè hanno paura di essere individuati. Tuttavia vanno vaccinati per questa estate, soprattutto quel personale che poi viene utilizzato nelle aziende agricole. Non possiamo avere diffusori di contagio a ruota libera. Stiamo lavorando allora per aprire, almeno nelle zone di maggiore presenza, come ad esempio la piena del Sele o l'area casertana, dei centri di vaccinazione per questa estate da gestire in collaborazione con la Caritas e con associazioni di volontariato, in maniera riservata. L'importante è non avere in circolazione persone che diffondono il contagio. Dovremmo affrontare anche questo problema molto delicato. Abbiamo concluso anche la gara per 4 milioni di tessere di avvenuta vaccinazione. Ne abbiamo già consegnate 200mila. Queste tessere possono aiutarci a riaprire cinema, ristoranti, musei, centri sportivi. Potremo, nel giro di non molte settimane, avere una situazione per la quale si potrà stabilire che chi ha questa tessera, potrà avere vita sociale più ampia. Stiamo facendo tutto il possibile e anche di più, per essere una regione all'avanguardia, come già siamo. Stiamo facendo cose di assoluta eccellenza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento