rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Politica

De Luca: "La Campania ha chiesto l'autonomia differenziata. Ogni anno 'derubati' di 220 milioni su sanità"

Il presidente della Regione ha fatto il consueto punto settimanale della situazione nel corso della diretta social del venerdì pomeriggio

"Si è aperto in queste settimane nuovamente il discorso sulle autonomie regionali. La Regione Campania è tra quelle che hanno chiesto l'autonomia differenziata, anche se nel dibattito pubblico si parla solo di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. La discussione, però, si è aperta nel modo peggiore possibile. Altro che autonomia, solidarietà nazionale. La bozza di proposta che è circolata in questi giorni è una vera provocazione. Prevede la compartecipazione delle regioni richiedenti al gettito iva che si determina nella regione di appartenenza. Cioè la regione che ha più ricchezza ed una base imponibile più ampia, si arricchirà ancora di più a danno delle regioni meridionali. Cose da 'sant'uffizio'. E quello che mi sconcerta è che non c'è senso di vergogna anche solo a proporre ed ipotizzare queste cose in violazione della Costituzione, che prevede come obbligo interventi di solidarietà per le aree meno sviluppate del paese. Avremo modo di discuterne nei prossimi giorni. Ho avanzato una proposta di base: diamo mandato all'ufficio parlamentare di bilancio della Camera dei deputati e allo Svimez di fare un'operazione verità e spiegare agli italiani quali sono le risorse reali che arrivano al Sud. Nei prossimi giorni avremo una discussione molto accesa per quanto riguarda il rapporto Nord-Sud nelle ipotesi avanzate dal governo nazionale. Così come avremo un conflitto ancora più duro per uno dei capitoli più vergognosi di divaricazione fra Nord e Sud ed è il capitolo sanità, che riguarda la distribuzione del fondo sanitario nazionale. Abbiamo avviato un contenzioso anche di fronte al tribunale amministrativo contro il ministero della Salute che continua ad essere omissivo rispetto alla definizione dei criteri sulla base dei quali fare il riparto del fondo. La Campania è la regione che viene derubata ogni anno di 220 milioni di euro rispetto alla media nazionale dei trasferimenti sanitari. La quasi totalità delle criticità che si determinano, dalle liste di attesa ai pronto soccorso, in larga misura, rinviano ad unico problema: la carenza di personale sanitario che noi scontiamo. E di fronte a questa situazione vergognosa, tutti quanti girano la testa dall'altra parte. In questa battaglia andremo fino in fondo, non arretreremo neanche di un metro". Così Vincenzo De Luca ha parlato nel corso della consueta diretta social del venerdì pomeriggio per fare il punto della situazione in Campania. 

Lavoro stagionale e reddito di cittadinanza

"Per quanto riguarda il mondo del lavoro - ha aggiunto il governatore - registriamo qualche fenomeno particolare. Abbiamo una carenza incredibile di personale stagionale per quanto riguarda l'agricoltura, l'industria di trasformazione agroalimentare, l'industria balneare, la ristorazione, gli alberghi. Qui c'è da fare una riflessione che riguarda il reddito di cittadinanza. Non credo che questo problema di carenza di personale dipenda solo dal reddito di cittadinanza, ma non c'è dubbio che questa misura un effetto lo ha provocato. Rilancio la nostra proposta di dare 500 euro al mese in più o anche in più, pagati dalle imprese, ai percettori di reddito di cittadinanza che vogliono fare il lavoro stagionale. La Regione Campania sarebbe disponibile ad aggiungere anche risorse per garantire il trasporto gratuito dai luoghi di residenza ai luoghi di lavoro. Io credo che dovremo procedere ad una modifica legislativa nazionale che vada in questa direzione e che stabilisca che se dopo due proposte di lavoro stagionale in queste condizioni c'è un rifiuto, si perde anche il reddito di cittadinanza. Credo sia arrivato il momento di essere rigorosi. Aiuto sì, sostegno alle povertà sì, aiuto alla povera gente assolutamente sì, parassitismo no. Abbiamo fatto già lo scorso anno questa proposta, ma il governo non l'ha recepita. Mi auguro che traducano questa proposta in legge a livello nazionale".

Ciclo dei rifiuti

Nel corso del suo intervento, De Luca ha toccato poi anche il tema rifiuti: "Il piano che abbiamo approvato cinque anni fa va avanti, non prevediamo altri termovalorizzatori, prevediamo solo impianti di compostaggio per il trattamento dell'umido e se sarà necessario, ma ritengo di sì, una quarta linea di riserva nell'impianto di termovalorizzazione di Acerra, che ci consenta di chiudere ogni due-tre anni una linea per fare la manutenzione". 

Covid e nuove varianti

"Per quanto riguarda il Covid rinnovo l'appello solito alla prudenza. La situazione è molto migliorata, ormai abbiamo pochissimi ricoveri in terapia intensiva e anche nei reparti ordinari siamo in discesa con i ricoveri, ma come avete avuto modo di apprendere va diffondendosi in Europa la variante Omicron 5 partita dal Portogallo e arrivata in Germania. Quest'estate avremo in Italia milioni di turisti provenienti dalla Germania e da altri paesi europei. Ci sarà un rimescolamento sociale e dunque, se è vero che abbiamo una situazione migliore rispetto allo scorso anno, è vero anche che la prudenza non è mai eccessiva e credo debba essere un comportamento ordinario, normale, non obbligato dalla legge. Allora cerchiamo di indossare le mascherine almeno al chiuso e nei luoghi di assembramento. E' un piccolo sacrificio che ci salvaguarda da varianti che possono essere ancora insidiose", ha concluso il presidente della Regione Campania. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "La Campania ha chiesto l'autonomia differenziata. Ogni anno 'derubati' di 220 milioni su sanità"

NapoliToday è in caricamento