Crisi rifiuti alle porte, Costa contro De Luca: “Sapeva dello stop di Acerra da un anno”

Il ministro dell'Ambiente si dice “a disposizione” per cercare soluzioni quando a settembre ci sarà lo stop dell'inceneritore, ma sottolinea: “La competenza resta della Regione Campania”

Sergio Costa

Se trovo disponibilità di impianti fuori Regione o all'estero sono a disposizione”. Così il ministro dell'Ambiente Sergio Costa a proposito dell'eventualità di una crisi rifiuti che potrebbe verificarsi, a causa della manutenzione dell'inceneritore di Acerra programmata pre il prossimo autunno, in Campania.

Spettro crisi rifiuti, De Luca: "Intervenga il governo"

“È chiaro, però, che la competenza resta della Regione Campania – ha precisato l'esponente del governo Conte oggi a Caserta per inaugurare un campo di calcio realizzato con gli scarti degli pneumatici – Lo stop dell'inceneritore era cosa nota già un anno fa. Non si può arrivare a fine luglio e cercare, come un rabdomante nel deserto, un luogo dove deporre 70mila tonnellate di rifiuti”.

Una critica a Vincenzo De Luca, quindi, ma anche la volontà di restare “al fianco della Regione e, come fatto per Roma, dare una mano per quello che è possibile. È chiaro che la competenza resta di altri, quindi, se qualcuno non ha fatto quello che doveva per dodici mesi, ne risponderà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Coronavirus, un malore dopo la maratona: test per due lombardi. Negativo uno stabiese

Torna su
NapoliToday è in caricamento