Costa: «In Campania non c'è nessuna emergenza rifiuti»

Il ministro alla Conferenza nazionale sulla sicurezza: «La differenziata va meglio che in altre regioni. Abbiamo il problema dei roghi tossici che è un'altra cosa»

Foto di Alessandra De Cristofaro

È in corso al Teatro di Corte di Palazzo Reale a Napoli, la prima giornata della Conferenza Nazionale su Sicurezza e Legalità promossa da Regione Campania, Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo ed Eurispes. L'iniziativa, che si svolgerà a Napoli fino a domenica 18 novembre, vedrà la partecipazione di un centinaio di relatori tra rappresentanti delle istituzioni, nazionali e locali, esponenti delle forze dell’ordine, accademici, magistrati ed esperti di diritto, giornalisti, intellettuali, ricercatori.

Il macro-tema della sicurezza verrà analizzato e declinato attraverso le riflessioni e le proposte di otto tavoli tematici: “Beni confiscati”, “Ambiente e Territorio”, “Sicurezza Urbana e tutela penale”, “Criminalità Organizzata: infiltrazione nell’economia legale”, “Terrorismo”, “Immigrazione e tratta degli essere umani”, “Cyber-Security”, “Dipendenze, Sicurezza e Società”.

All'incontro di oggi stanno partecipando il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, il neo-presidene della Commissione Antimafia, Nicola Morra, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, il presidente della Regione Vincenzo De Luca ed il vicepresidente Fulvio Bonavitacola, e per il Comune di Napoli, il vicesindaco Enrico Panini. 

Riguardo alla polemica su una possibile emergenza rifiuti il ministro Costa ha ribattuto ancora una volta chiaramente alle dichiarazioni fatte ieri dal collega dell'Interno, Matteo Salvini. 

«In Campania non è pensabile tornare all'emergenza rifiuti che abbiamo conosciuto. Chiariamo: non siamo in emergenza né in preemergenza rifiuti. C'è un altro tipo di emergenza ed è quella dei rifiuti tossici. Salveremo l'ambiente se creeremo un meccanismo che conviene. In Campania la raccolta differenziata è al 52%: superiore alla media del sud che è 34/35%. Non dobbiamo flagellarci. Ci sono regioni in emergenza giuridico-amministrativa. Tra queste non c'è la Campania. I roghi riguardano piattaforme pubbliche e private: in 3 anni 300 piattaforme in tutta Italia» ha concluso il ministro Costa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Nuova allerta meteo a Napoli, la decisione sulle scuole per lunedì 18 novembre

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Pioggia e vento su Napoli e Campania, prorogata l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento