rotate-mobile
Politica Giugliano in campania / Taverna del Re

Tar boccia ricorso contro inceneritore a Giugliano, Gabriele: "Decisione che lascia perplessi"

"Secondo i giudici del tribunale amministrativo la costruzione del termovalorizzatore non è in contrasto con la legge regionale che impedisce la realizzazione di nuovi impianti senza prima mettere in campo le bonifiche, ma ciò non toglie che si tratti di un ennesimo attacco ai danni del territorio"

"La decisione del Tar di bocciare il ricorso presentato dal Comune di Giugliano contro la costruzione dell'inceneritore lascia perplessi". Queste le parole del Capogruppo Regionale del PSI, Corrado Gabriele.

"Secondo i giudici del tribunale amministrativo - spiega Gabriele - la costruzione del termovalorizzatore non è in contrasto con la legge regionale che impedisce la realizzazione di nuovi impianti senza prima mettere in campo le bonifiche, ma ciò non toglie che si tratti di un ennesimo attacco ai danni del territorio".

"L'area a nord di Napoli e del basso Casertano - continua il consigliere - è già stata profondamente segnata dalla presenza di numerose discariche, perlopiù abusive, per le quali sono ancora fermi tutti i programmi di bonifica. Il problema delle ecoballe di Taverne del Re va risolto senza ledere il diritto alla salute dei cittadini, che deve continuare ad essere affermato e difeso con forza, in primis dalle Istituzioni. La giunta Caldoro, che negli ultimi anni non ha fatto altro che aggravare con la sua inerzia il problema delle ecoballe, avrebbe dovuto in questi anni e dovrebbe tuttora concentrare i propri sforzi per trovare altre soluzioni come i siti di compostaggio e gli investimenti nella racconta differenziata".

"Per lo smaltimento delle ecoballe, come ho più volte proposto e detto in Consiglio regionale, si potrebbe optare per l'utilizzo di impianti già realizzati in Italia e in tutta Europa che possano garantire un basso impatto ambientale", conclude Gabriele.

Intanto, le mobilitazioni popolari contro la costruzione dell'impianto di incenerimento non si fermano: la scorsa domenica mattina, a Largo Berlinguer, il Comitato "No Inceneritore a Giugliano" ha messo in scena una singolare protesta: giovani donne, vestite di nero in segno di lutto, si sono schierate l'una accanto all'altra stringendo dei bambolotti tra le braccia, mentre altri attivisti distribuivano materiale informativo sui danni derivanti da questo tipo di impianti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tar boccia ricorso contro inceneritore a Giugliano, Gabriele: "Decisione che lascia perplessi"

NapoliToday è in caricamento