rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Politica

De Magistris: “Tra Conte e De Luca è corsa a chi fa ordinanza più originale”

Il sindaco di Napoli è intervenuto alla trasmissione “Stasera Italia” su Rete 4

"Tra Conte e De Luca si fa un po' la corsa a chi fa l'ordinanza più originale". Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto a "Stasera Italia" su Rete4, parlando del divieto di consegna a domicilio di pasti caldi, stabilito da un'ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Un divieto che, secondo de Magistris, è "assolutamente illogico e insensato, innanzitutto per quanto riguarda l'aspetto sanitario: se l'obiettivo è stare a casa, consentendo di portare il cibo a casa di qualsiasi tipo un po' meno gente andrà per strada. Poi l'hanno detto anche i medici consultati a livello nazionale che, con le cautele necessarie, non c'è alcun rischio. Si dà un po' di fiato a un settore che sta morendo, si fa lavorare qualche giovane rimasto disoccupato, e con la solidarietà napoletana si potrebbe fare un pasto sospeso, ogni 5 pasti portati uno lo dai alle famiglie più bisognose".

Su questo "io mi allineerei più a una linea uniforme che è stata adottata dal Governo, che mi sembra sensata". De Magistris ha citato anche la misura della Regione Campania che prevede l'apertura dei negozi di vestiti per bambini due giorni a settimana dalle 8 alle 14: "Ora hanno aperto perché i neonati per fortuna crescono anche in tempi di quarantena, ma da noi il presidente della Regione si è inventato che possono aprire solo alcune ore a settimana. Tutte le persone ovviamente andranno in quegli orari. Sono cose che si fa fatica a comprendere", ha concluso.

La situazione a Napoli

"Napoli finora, e ci auguriamo che la situazione non peggiori, ha avuto poco più di 800 casi positivi e 49 deceduti. Ovviamente un bilancio molto grave, ma imparagonabile rispetto a quello che abbiamo visto in certe regioni del Nord". Secondo de Magistris "ci ha aiutato il fatto che a Napoli abbiamo chiuso scuole e cantieri prima del Governo e abbiamo iniziato prima la sanificazione".

La riapertura 

"Stiamo programmando una riapertura graduale per il 4 maggio, poi ovviamente deciderà il Governo con il supporto dei medici. La linea che ci siamo dati è questa: dobbiamo stare molto attenti fino al 3 maggio restando a casa, e programmare da adesso per essere pronti per la ripartenza del 4 maggio". Secondo de Magistris dal 4 maggio sarà possibile riaprire "cantieri e attività produttive, ovviamente - ha precisato - con la distanza sociale, le mascherine e tutte le precauzioni, perché la sicurezza dei lavoratori e delle persone viene al primo posto".

"A maggio dobbiamo fare in modo che, quando si riprende, si va a mettere la chiave nel motore delle attività economiche e si possa almeno ripartire. Su questo, devo essere sincero, mi aspetto più coraggio da parte del Governo nazionale e dell'Europa. Economia di guerra - ha aggiunto de Magistris - significa liquidità, reddito di emergenza. Significa meno tasse, più debito pubblico, più denaro che circola, altrimenti l'italia insieme non riparte. Ci vuole coesione sociale, unità e coraggio".

Tutte le notizie sul Coronavirus 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Magistris: “Tra Conte e De Luca è corsa a chi fa ordinanza più originale”

NapoliToday è in caricamento