rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Politica Pozzuoli

Bradisismo, chiesto consiglio comunale d'urgenza a Pozzuoli: che cosa sta succedendo

A Pozzuoli sette consiglieri chiedono di convocare l'assise con urgenza sui recenti sviluppi del fenomeno geologico: "Sindaco assente e cittadini preoccupati"

"Alla luce dell'evoluzione del fenomeno bradisismico, i consiglieri comunali Del Vaglio Marzia, Figliolia Vincenzo, Iasiello Guido, Ismeno Paolo, Maione Salvatore, Sebastiano Gianluca, Villani Antonio hanno ritenuto necessario formulare una richiesta di convocazione di Consiglio comunale monotematico urgente con il seguente ordine del giorno: Discussione sulla questione bradisismo e sulla relativa evoluzione nella città di Pozzuoli".

È così che il consiglio comunale puteolano si mobilita dopo le recenti scosse bradisismiche e a causa della crescente preoccupazione nella popolazione residente.

"Riteniamo che la situazione odierna richieda una discussione seria e approfondita nell'interesse della comunità di Pozzuoli – sostengono i consiglieri comunali promotori dell'iniziativa – È da mesi, ormai, che i dati dell'Osservatorio Vesuviano riportano un innalzamento del suolo di Pozzuoli. Da altrettanto tempo in città si registra un aumento degli eventi sismici anche di magnitudo elevate. Inoltre, i cittadini hanno più volte espresso la propria preoccupazione in merito al fenomeno bradisismico, ponendoci domande sullo stato dell'arte e chiedendoci di essere informati sull'evoluzione attuale".

"Per i motivi sopra elencati – proseguono ancora Marzia Del Vaglio, Vincenzo Figliolia, Guido Iasiello, Paolo Ismeno, Salvatore Maione, Gianluca Sebastiano, e Antonio Villani – abbiamo chiesto di convocare l'assise nel più breve tempo possibile, tenuto conto dell'urgenza di tale questione e della totale assenza informativa da parte dell'amministrazione e dello stesso Sindaco, in qualità di capo della Protezione Civile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bradisismo, chiesto consiglio comunale d'urgenza a Pozzuoli: che cosa sta succedendo

NapoliToday è in caricamento