rotate-mobile
Politica

Comunali, Forza Italia e Fdi dicono sì a Maresca: "Ora possiamo cambiare Napoli"

Il vertice nazionale del centro-destra ha dato il via libera per l'appoggio al pm nella corsa a sindaco di Napoli: "Non si è parlato di simboli, ma di temi concreti"

Adesso anche il centro-destra ha il suo candidato ufficiale nella corsa a sindaco di Napoli. E' Catello Maresca che, dopo settimane di tensioni e dichiarazioni al vetriolo, incassa l'appoggio di Forza Italia e Fratelli d'Italia dopo aver sempre avuto in mano l'intesa con la Lega di Matteo Salvini. 

La decisione del centro-destra

Il vertice si è tenuto a Roma. Sul tavolo, i casi spinosi di Napoli e Milano. Alla fine, attraverso un lancio di agenzia sono arrivate le conferme sia per Luca Bernardo che per Maresca. Solo pochi giorni fa, stanco delle continue polemiche, il magistrato aveva lanciato un messaggio sibillino: "Se ci sono i presupposti per un progetto sui programmi andremo avanti, altrimenti un lavoro io già ce l'ho". Questi giorni hanno visto gli uomini della Lega nel ruolo di mediatori, a Napoli come nelle stanze romane. 

Le parole di Maresca

Alla fine, si è giunti all'accordo. "Sono contento dell’adesione convinta di tutte le forze politiche del centro destra al Progetto Napoli - le parole a caldo di Maresca - che da settimane vado propugnando in giro per una città sempre più sofferente ma con una grande voglia di riscatto dopo oltre 30 anni di governo di sinistra. Sono felice del fatto che si sia discusso di programmi e non di persone e simboli e ideologie. Questa concretezza dei leader del centrodestra mi dà la convinzione che ora sia davvero possibile cambiare il destino di Napoli da troppo tempo usata dalla sinistra come camera di compensazione e bilanciamento di posizioni di potere romane".

L'aspirante sindaco indica alcuni punti del programma: "Ci occupiamo in maniera seria e qualificata di rigenerazione urbana, di riqualificazione del centro storico, restituzione di Bagnoli ai napoletani, Napoli Est, lavoro, sicurezza, degrado urbano, questione ambientale e altre emergenze storiche da risolvere. Potrà nascere, entro pochi anni, una città nuova. Con il Progetto Napoli, questa città sarà capace di riproporsi sullo scacchiere italiano e internazionale come capitale culturale ed economica del Mediterraneo. Io ero e resto in pista per amore della mia città. L’avversario da battere è sempre il centrosinistra che ha governato Napoli negli ultimi 35 anni. Quelli che non hanno mosso un dito mentre questa città perdeva credibilità, scadeva in qualità dei servizi e i suoi servizi pubblici diventavano da quarto mondo”.

I nodi da sciogliere

Restano da sciogliere alcuni nodi. Non è chiaro, infatti, come sia andato a finire il tira e molla sulla presenza dei simboli dei partiti nelle liste, tema che aveva allontanato Maresca da Fi e Fdi.Così come non è chiaro come reagirà il fronte civico che da diversi mesi affianca il magistrato nella costruzione del suo progetto e che, in più di un'occasione ha fatto trapelare che, con una posizione più centrale dei partiti, avrebbe riconsiderato la sua posizione. Nodi sui quali Maresca dovrà lavorare fin dalle prossime ore. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, Forza Italia e Fdi dicono sì a Maresca: "Ora possiamo cambiare Napoli"

NapoliToday è in caricamento