menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Signoriello su Saviano: “Non rischia come chi è in trincea”

Ciro Signoriello ha commentato il contenuto dell'intervista rilasciata dal Segretario del Sindacato Autnomo di Polizia: “Do ragione al Segretario, La letteratura anticrimine è una sovrastruttura alla lotta alla criminalità”

"La letteratura anticrimine e di denuncia, pur se lodevole, è una sovrastruttura, un corollario alla lotta alla criminalità ma non certo la sua rappresentazione concreta” ad affermarlo è o il Vice Presidente del PdL al Consiglio comunale, Ciro Signoriello commentando il contenuto dell'intervista rilasciata dal Segretario del Sindacato Autnomo di Polizia ( S.A.P.).
 
Continua il consigliere: “Lo scrittore Saviano merita rispetto per il lavoro profuso e per una certa dosa di coraggio che ha dimostrato: ma sussiste certamente una divaricazione oggettiva in termini di rischio assoluto tra chi produce letteratura saggistica , comunque di spessore e coraggiosa ciò è innegabile, e chi sta in trincea ogni giorno per poco più di mille Euro al mese: ed è per questi motivi che do ragione al Segretario del Sindacato Autonomo di  Polizia (S.A.P.), Nicola Tanzi sulla questione dei  simboli della lotta alla criminalità organizzata.”


  La letteratura anticrimine è una sovrastruttura alla lotta alla criminalità  
“Una cosa è la cultura impegnata che magari si spinge con coraggio a certi livelli come ha fatto Saviano - ha  proseguito Signoriello – altro è l'incarnazione simbolica della lotta alla camorra e alle mafie. E' grazie al lavoro di uomini come ad esempio il Capo della Squadra Mobile di Napoli, Vittorio Pisani e tutte le Forze dell'Ordine che si assegnano colpi efficaci perché è con gli arresti di esponenti eccellenti ne con lo scompaginamento dei clan che vengono  minate le attività illecite delle organizzazioni criminali:  e quindi sono tutte queste persone, che sono i veramente nel mirino dei clan. La letteratura anticrimine e di denuncia , pur se lodevole, è una sovrastruttura, un corollario nella lotta alla criminalità ma non certo  la sua rappresentazione concreta. 
Del resto non dimentichiamo quegli esponenti della cultura e del giornalismo, come Spampinato, Impastato, Siani, per citarne alcuni, rimasti uccisi dalla criminalità organizzata, e per  quanto, giustamente ricordati e celebrati non mi sembra che abbiano raggiunto il livello di glorificazione e la sovraesposizione mediatica del pur bravo coraggioso Saviano” ha concluso Signoriello.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento