rotate-mobile
Politica

Comunali e Regionali, il magistrato Catello Maresca smentisce: "Non mi candido"

"Non voglio che il mio nome venga strumentalizzato", spiega il sostituto procuratore generale di Napoli. "E soprattutto non voglio che mi si attribuisca un'ambiguità che non mi appartiene"

In un'intervista a Repubblica il sostituto procuratore generale di Napoli Catello Maresca ha smentito la sua eventuale candidatura, sia alle prossime elezioni regionali (settembre 2020) che a quelle comunali (primavera 2021): "Rassicuro tutto l'arco costituzionale: io non mi candido, né per la Regione né per il Comune", spiega Maresca.

"Quando ho visto che rispetto ad un libero movimento di cittadini o di opinione pubblica, che mi ha oggettìvamente inorgoglito si muovevano partiti a corto di candidati che usavano il mio nome, mi sono deciso a esternare la mia indisponibilità. Il gioco su di me, per così dire, si è fatto fastidioso", ha aggiunto Maresca, che ha poi aggiunto di essere stato tentato. "Non voglio che mi sia attribuita un'ambiguità che non mi appartiene, né come uomo, né come magistrato. Rivendico di aver detto in tutte le salse che io non voglio farmi strumentalizzare", ha concluso. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali e Regionali, il magistrato Catello Maresca smentisce: "Non mi candido"

NapoliToday è in caricamento