Martedì, 16 Luglio 2024

Brogli elettorali, sospesa la II Municipalità: "Disastro per i cittadini"

Scomparse schede di voto nel collegio della scuola Borsellino, il Tar blocca il Consiglio e affida i poteri a presidente e assessori

Schede di voto scomparse e un consiglio di eletti sospeso. Le Municipalità continuano a rappresentare una spina nel fianco per il Comune di Napoli. Alla brutta figura nazionale di non aver nomiato tutti gli assessori per le liti all'interno della maggioranza, si aggiunge lo scandalo della II Municipalità (Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pendino, Porto, S. Giuseppe) esploso dopo il ricorso presentato dal candidato Davide Esposito. 

Il Tar ha annullato la proclamazione degli eletti per irregolarità nel seggio 309, quello nella scuola Borsellino, e ha predisposto la ripetizione del voto. Leggendo la sentenza il quadro appare grave. I giudici scrivono di irregolarità formali e sostanziali, di errori nella verbalizzazione, nella mancata attestazione delle schede autenticate. Dagli archivi sarebbe scomparso un intero plico di schede elettorali, precisamente la busta numero 3, all'interno della quale non è stato trovato nulla.

Un episodio di una gravità assoluta, che ha portato l'avvocatura del Comune di Napoli a decidere la sospensione dell'intero Consiglio. Nel frattempo, il Comune ha predisposto che i poteri siano assunti da presidente e assessori, una soluzione rigettata da diversi consiglieri, come spiegano in questo video le elette nella II Municipalità Angela Parlato e Chiara Capretti, che chiedono al sindaco Gaetano Manfredi una posizione chiara e netta su quanto accaduto. 

Video popolari

NapoliToday è in caricamento