rotate-mobile
Politica

Comune di Napoli, approvato il bilancio consolidato 2020. Manfredi: "Importante per sblocco assunzioni"

Il sindaco soddisfatto per il risultato ottenuto in aula: "Noi oggi dobbiamo dare una svolta, dobbiamo amministrare la città, dobbiamo farla ripartire dopo anni molto complicati"

Con 30 voti a favore, 7 contrari e 2 astenuti il Consiglio Comunale di Napoli ha approvato quest'oggi il bilancio consolidato 2020. Hanno votato a favore l’intera maggioranza e la consigliera Alessandra Clemente. Astenuti Bassolino e Lange. Hanno espresso voto contrario tutti gli altri componenti dell'opposizione, mentre erano assenti al voto i consiglieri Sannino e Brescia.

La seduta presieduta da Enza Amato, che si è svolta presso la Sala dei Baroni, si era aperta in mattinata alla presenza di 39 consiglieri e del consigliere aggiunto Ravendra Jeganesan.

Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha espresso soddisfazione per l'approvazione del bilancio consolidato 2020 al termine della seduta: "Questo era un atto obbligatorio di cui noi avevamo bisogno soprattutto per poter sbloccare le assunzioni a tempo indeterminato, che erano state in parte già programmate. E' un passaggio molto importante per cominciare ad andare avanti con l'amministrazione. La relazione dell'assessore Baretta? I numeri sono chiarissimi. Noi abbiamo un debito che è quantificato in 5 miliardi, abbiamo uno sbilancio di spesa corrente molto importante, che è di qualche centinaio di milioni. E' chiaro che senza un intervento importante è difficile rimettere in piedi il bilancio. C'è una parte che dobbiamo fare noi, sulla gestione del patrimonio ad esempio. E' un lavoro che abbiamo già avviato, ma che richiede del tempo. La città ha bisogno di un intervento, perchè altrimenti non si può amministrare e dare risposte ai napoletani. Io sono molto fiducioso che tutti i parlamentari, di qualsiasi parte politica, sosterranno questo intervento che è indispensabile. Noi oggi dobbiamo dare una svolta, dobbiamo amministrare la città, dobbiamo farla ripartire dopo anni molto complicati e per farlo abbiamo bisogno di un'azione complessa ed integrata che parta dall'intervento statale. Non c'è altra soluzione. Privatizzazione partecipate? Non c'è nessuna ipotesi di questo tipo in questa fase".

La relazione dell'assessore Baretta

La situazione finanziaria del Comune di Napoli è molto seria e necessita di un intervento straordinario. E' quanto illustrato all'aula del Consiglio Comunale dall'assessore al Bilancio Pier Paolo Baretta. Approvato il Consolidato, l’Amministrazione - ha spiegato l'assessore comunale - metterà poi in campo la propria iniziativa per affrontare i punti di maggiore criticità della situazione finanziaria dell'ente di Palazzo San Giacomo: oltre al debito gravoso accumulato negli anni passati, l’inadeguatezza della riscossione, la gestione delle partecipate, i problemi del patrimonio, la carenza di personale.

Baretta ha quindi illustrato le società incluse nel Gruppo: ABC (che ha 250 dipendenti e un fatturato di 120 milioni di euro), Asìa (con 2065 dipendenti e un fatturato di 178 milioni), Napoli Servizi (con 1614 dipendenti e un fatturato di 65 milioni), le società in liquidazione (Elpis, in liquidazione dal 2015, Napoli Holding che detiene le azioni di Anm e per la quale è prevista la “fusione inversa” con Anm in “concordato preventivo”, Napoli Sociale in liquidazione dal 2016, Terme di Agnano).

L’assessore, dopo aver riassunto le principali risultanze del Bilancio Consolidato 2020, si è soffermato sulla relazione dei Revisori dei Conti che hanno espresso un parere di regolarità formale del documento formulando però importanti rilievi, soprattutto sui disallineamenti nel calcolo di crediti/debiti reciproci tra Comune e partecipate. 

Alessandra Clemente: "Votare il Bilancio è giusto"

“I valori politici e le storie personali ci vedono tutti motivatissimi nel fare il bene della città, questo è condiviso. Il percorso che ci aspetta nei prossimi mesi, che parte oggi con l’approvazione del bilancio consolidato è una maratona che ci vede tutti coinvolti, e per questa corsa le scarpette adatte, che ci permetteranno di dare il via a questa lunga è necessaria sfida ce le ha da la precedente amministrazione. Votare quest’atto è giusto, doveroso in quanto è nel merito un atto di valore e di grandissima responsabilità dell’amministrazione uscente". Questo il commento della consigliera comunale Alessandra Clemente, ex assessora della Giunta de Magistris, che ha espresso voto favorevole all'approvazione del bilancio consolidato 2020. 

"Per fare un salto di qualità è necessario porre fine a quella stagione politica cittadina che votava i provvedimenti per partito preso, un’opposizione ed un’attività politica a discapito della città, in coerenza solo con l’indicazione del gruppo politico di riferimento, non entrando nel merito e della bontà delle questioni. Invece che sentire che ci si tappa il naso per votare questo provvedimento, mi piacerebbe vedere tutti i Consiglieri approvare questo bilancio, per senso istituzionale, per bontà dello stesso, per la consapevolezza delle cose positive che da esso derivano, come le assunzioni che ne verranno. La stessa bontà per la quale il Sindaco Manfredi lo presenta all’aula. Un lavoro importante e difficile è stato fatto. Voglio per questo ringraziare chi ha contribuito alla realizzazione di quest’atto, alla già assessore al Bilancio Rosaria Galiero, alla Giunta, congiuntamente agli uffici comunali, dirigenti e collaboratori dell’ente impegnati. Non possiamo dimenticare che questo è un atto riferito all’anno 2020. Ricordiamo cosa è successo nel 2020, una pandemia che è stata devastante non solo per l’amministrazione e le partecipate, ma per tutte le aziende così come per le private anche per le pubbliche. Per questo dico: dovremmo ragionare meno per partito preso, ma più per il bene della città. Nella scorsa stagione politica ha avuto una fortissima centralità l’esperienza dei beni comuni. Anche il bilancio è un bene comune e spero vivamente che venga mantenuto pubblico ed alto e qualificato il dibattito in città e che ci sia la volontà da parte anche del sindaco Manfredi di proseguire e dare continuità a questo e a esperienze importanti, autonome ed innovative, come la Consulta sul debito pubblico presieduta dal professore Paolo Maddalena al quale voglio rivolgere sentitamente il ringraziamento come amministratrice e come cittadina per l’importantissimo lavoro fatto insieme a tutti i componenti della stessa. Il cuore di questo consolidato sono le partecipate, vigileremo affinché non ci siano iniziative di privatizzazione delle stesse, bensì diventino il motore e la linfa vitale dei futuri bilanci, della vita economico finanziaria del nostro ente, valorizzando soprattutto il patrimonio più grande che esse hanno: ovvero i loro lavoratori”, ha aggiunto Alessandra Clemente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Napoli, approvato il bilancio consolidato 2020. Manfredi: "Importante per sblocco assunzioni"

NapoliToday è in caricamento