Arresto di Patrick George Zaky: la protesta del ministro Manfredi e di de Magistris

Duro tweet del sindaco che chiede non si verifichi un altro caso Regeni. Il ministro partenopeo ha attivato i canali diplomatici

Con un duro tweet il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris ha attaccato il governo egiziano sul caso del ricercatore egiziano Patrick George Zaky arrestato nelle ultime ore. "Solidarietà a Patrick George Zaky, attivista politico, ricercatore egiziano, studente all'università di Bologna, arrestato in Egitto per le sue idee. L'Egitto invece di arrestare e torturare giovani per il loro pensiero politico, consegni alla giustizia i carnefici di Giulio Regeni". In queste ore sono stati attivati tutti i canali diplomatici tra i due Paesi su cui pesa il precedente dell'assassinio di Giulio Regeni.

Anche il ministro dell'Istruzione, il napoletano Gaetano Manfredi, ha attivato i canali ministeriali per ricostruire la vicenda. “Il mio ministero si è subito attivato insieme all'università di Bologna per ricostruire la situazione dello studente Zaky. Lo studente è stato selezionato nell'ambito di un master europeo tenuto da università di diversi paesi. Insieme al ministro Di Maio stiamo operando tramite i canali diplomatici per reperire informazioni certe e trasparenti e verificare la situazione in maniera accurata nel rispetto dei diritti della persona” ha annunciato il ministro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

Torna su
NapoliToday è in caricamento