Giovedì, 23 Settembre 2021
Partner

Troppo buono per essere vero: spopola anche a Napoli l’app contro gli sprechi alimentari

Sta’ senza pensieri: con le Magic Box napoletane stai sicuro che non sbagli

Domandina facile facile in arrivo: quando pensate a Napoli cosa vi viene in mente?

D’accordo, lasciamo stare per un attimo Maradona e concentriamoci su qualcosa di più sfizioso: pizza, babà, sfogliatelle, zeppole dolci e salate, casatielli, pastiere, mozzarelle, ragù…ci siamo capiti, insomma.

Qui parliamo di cibo, di ottimo, gustoso, succulento e acquolinoso cibo tutto da assaporare, di cibo che ne mangereste fino a scoppiare, di cibo che, e qui siamo al paradosso, non riuscireste a finire tanto ne accumulate nel piatto. E questo nonostante lo sfiancante allenamento di livello professionistico a cui vi sottopone vostra nonna che, sin da tenera età, vi mette puntualmente “all’ingrasso” con mestolate di prelibatezze.

Insomma, il problema, quando il cibo è così buono, è che paradossalmente potrebbe avanzare. Un vero e proprio peccato da girone infernale. Lo sanno bene i commercianti napoletani del settore alimentare che, spesso e volentieri, per quanto offrano prelibatezze da far svenire al solo pensiero, rimangono a fine giornata con una certa quantità di invenduto fresco, il quale, se non consumato in giornata, è inevitabilmente destinato, ahinoi, al cassonetto. 

E, allora, non poteva che essere accolta con entusiasmo l’app Too Good To Go, la nuova frontiera tecnologica nella lotta agli sprechi alimentari. La formula, ideata in Danimarca, è semplice e, proprio per la sua genialità, ha ben presto fatto il giro del mondo, sbarcando, infine, anche sulle spiagge della Città del Sole.

Cosa rende Too Good To Go tanto speciale? Il fatto, ad esempio, che riesca a mettere d’accordo proprio tutti, commercianti e clienti, con un occhio di riguardo anche all’ambiente. 

Calma calma, non vi spingete per favore, che ancora non vi abbiamo spiegato come funziona: tutto parte dall’app Too Good To Go, nella quale i commercianti possono inserire la disponibilità delle cosiddette Magic Box, vere e proprie scatole in cui inserire parte dei prodotti invenduti della giornata, solitamente quelli che è necessario mangiare finché sono ancora freschi e che il commerciante finirebbe per gettare alla chiusura se non venduti. Cosa hanno di speciale le Magic Box? Primo, sono vendute a un terzo del prezzo originale dei prodotti che contengono; secondo, sono sempre diverse e imprevedibili, perché il cliente, solo una volta acquistata la Magic Box, potrà conoscerne il gustoso contenuto, che dipenderà dagli invenduti del giorno. Una sorpresa tutta da gustare, insomma.

Dall’altro capo dell’app, quindi, ci sono gli utenti consumatori che, con il proprio smartphone potranno geolocalizzarsi per individuare i locali aderenti più vicini e scegliere, attratti dal nome del negozio e dalle prelibatezze che offre giornalmente, di affidarsi “al caso” e acquistare a prezzo ridotto una Magic Box, pagando tramite app e ritirando direttamente in negozio la sua scatola magica in una fascia oraria selezionata, che solitamente si colloca poco prima della chiusura, così da evitare i momenti di massima affluenza.

TGTG_Gallery_2-2

Insomma, Too Good To Go è la soluzione perfetta, perché distribuisce vantaggi a tutti gli attori in gioco: al commerciante offrirà un piccolo ricavo in più sull’invenduto, evitando di sprecare e dover gettare cibo ancora buono, mentre al cliente consente di acquistare cibo fresco, delizioso e di qualità a un prezzo di favore. Senza contare che chi ne beneficia davvero è l’ambiente che ci circonda, perché grazie alla riduzione degli sprechi alimentari si riescono a risparmiare 2,5 kg di CO2 emessa nell’atmosfera per ogni Magic Box “salvata” e, quindi, venduta.

Ma per Napoli sono anche altri i numeri che contano, e sono quelli che dimostrano quanto il fenomeno Too Good To Go stia spopolando in città: sono infatti circa 400 gli esercizi commerciali che negli ultimi due anni hanno aderito all’iniziativa salvando più di 20.000 Magic Box.

Insomma, se a per i napoletani lo spreco di cibo è un vero e proprio peccato mortale, allora scaricare Too Good To Go ci avvicina tutti un po’ di più al paradiso: un paradiso, troppo buono per essere vero, fatto di gusto e profumi irresistibili. E se questo ancora non dovesse bastarvi allora ricordatevi sempre una cosa: nonna vi osserva!

TGTG_Gallery_3-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppo buono per essere vero: spopola anche a Napoli l’app contro gli sprechi alimentari

NapoliToday è in caricamento