Per Pasqua ecco spuntare una pastiera d’Alta Moda, essenziale ed elegante

Un gioiello d’avanguardia culinaria che strizza l’occhio alla tradizione napoletana

La tradizione, si sa, è dura da scalfire. Significa toccare il cuore, i sentimenti e i ricordi delle persone. In una città come Napoli, poi, la tradizione è letteralmente sacra. Basti pensare a San Gennaro e ai presepi, a Diego e al San Paolo, a Totò e De Filippo, a Mario Merola e Nino D’Angelo, alla pizza e alla pastiera… tutti mostri sacri della tradizione napoletana, ciascuno a proprio modo.

Ma dato che Pasqua si avvicina, parliamo un po’ della pastiera. Alzi la mano chi la vuole esattamente come ci si aspetterebbe che sia: con l’inconfondibile fragranza di canditi e fiori d’arancio, che si fonde con i primi profumi della primavera e dei banchetti pasquali, con la pasta frolla croccante all’esterno e con il morbido ripieno di grano e ricotta, senza i quali non avrebbe quella tipica consistenza al palato. E quel colore giallo oro intenso, poi… insomma, per i puristi la pastiera è questa. Punto e basta!

Eppure, anche a Napoli c’è chi ha avuto il coraggio di osare, di sperimentare e di spingersi oltre, fino a conoscere anche lati diversi o nascosti della tradizione, tentando di rinnovarla, di rivisitarla in chiave moderna. Nel caso della pastiera ne è stata creata una nuova versione, diversa nell’aspetto e nella forma, ma con gli stessi inconfondibili sapori e profumi. Un gioiello delicato che soddisfa la sete di novità di chi ama reinterpretare la tradizione in modo creativo.

Vi chiederete chi ha osato tanto. Ebbene, non si tratta dell’ultimo arrivato, perché la nuova pastiera è stata ideata e progettata da Salvatore Tortora, della scuola di Iginio Massari, il noto confiseur di fama mondiale. Accanto a lui, tutta la prestigiosa squadra della Pasticceria Ètoile di Napoli che, con tecniche di lavorazione all’avanguardia,ha dato il proprio contributo nella creazione di questa vera e propria opera d’arte del gusto.

Etoile-immagine1-2

Insomma, quello di Ètoile è un nuovo modo di dire pastiera. Gli elementi tradizionali sono tutti presenti, ma sono stati rimodulati con la tipica cura per l’estetica e la continua ricerca di materie prime di altissima qualità che fanno di Ètoile, da più di diciotto anni, una delle più prestigiose pasticcerie napoletane. La nuova pastiera non potrà che soddisfare anche i puristi, regalando loro nuove sensazioni mai provate.

Grazie al nuovo outfit, che si rivela essenziale ed elegante, la pastiera di Ètoile diventa quasi un modello d’Alta Moda, tanto che, ammirandola e assaggiandola, la sensazione è quella di essere trasportati nei salotti buoni di Napoli, tra le griffe più rinomate di Piazza dei Martiri, dove non a caso c’è una delle tre pasticcerie Ètoile.

Quello di Ètoile è il laboratorio delle emozioni. La pastiera non è che la punta di un iceberg di una vasta gamma di pasticceria d’altissimo livello.  Ottime torte dal design moderno, prodotti da forno e cornetti realizzati con lievito madre e una lenta lavorazione, ed eccellenti proposte salate, tipiche della rosticceria campana, anch’esse spesso rivisitate in stile contemporaneo. Morbidezza, leggerezza e alta digeribilità sono le parole d’ordine.

Le sedi sono: 

  • Via Dei Mille 57B 
  • Via Santa Caterina, 68 (Piazza dei Martiri)
  • Via Prov. Montagna Spaccata, 449 (Pianura)

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Misure drastiche. Si blocca la movida"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 28 settembre al 2 ottobre: tra proposte di matrimonio e figli legittimi e non

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Elettra Lamborghini: con Napoli è vero amore

Torna su
NapoliToday è in caricamento