Fatture elettroniche? Io le leggo con la PEC!

Ecco il sistema facile e conveniente per gestire le fatture elettroniche in arrivo

Ancora confusi riguardo alla fatturazione elettronica? Forse vi serve un ripassino.

Sono ormai tre mesi, dal 1° gennaio, che è entrato in vigore l’obbligo per i titolari di partita IVA di emettere, anche nei confronti di soggetti privati, fatture elettroniche in formato XML, le quali, una volta inviate al Sistema di Interscambio (SDI) gestito dall’Agenzia delle Entrate, vengono reindirizzate ai clienti.

La fatturazione elettronica, quindi, consente di creare, inviare, ricevere, visualizzare e conservare le fatture digitali e la documentazione contabile. Tutto questo grazie a software e applicazioni ideati appositamente per semplificare il processo e poter così gestire l’intero ciclo, attivo e passivo, in modo completamente automatico. Aziende e professionisti non possono fare a meno di tali software, che permettono loro non solo di emettere, ma anche di ricevere le fatture elettroniche da parte dei propri fornitori e di ottimizzare i processi aziendali, abbattendo i costi e migliorando l’efficienza.

Esiste però un’altra possibilità, sicuramente più adatta per chi invece non ha necessità di emettere fatture elettroniche, ma solo di riceverle. I consumatori privati e chi è sprovvisto di partita IVA, non avendo clienti, non avranno neanche bisogno di utilizzare un software completo che gestisca tutto il processo di fatturazione e il cui utilizzo, non dimentichiamolo, comporta solitamente il pagamento di un canone annuo anche di una certa entità. Eppure, entrano anche loro, volenti o nolenti, nel gioco della fatturazione elettronica, avendo a che fare con aziende e professionisti obbligati per legge a emettere fatture digitali.

Per queste categorie esiste un’alternativa semplice e conveniente rispetto ai software e alle applicazioni attualmente sul mercato: la Posta Elettronica Certificata. Già, proprio la PEC che solitamente utilizziamo per inviare raccomandate virtuali in modo sicuro e inalterabile. Da oggi possiamo utilizzarla anche per ricevere le fatture elettroniche, con l’unico accorgimento che, per visualizzarle, servirà una casella di PEC che abbia integrata la possibilità di lettura del formato XML.

Il funzionamento è semplice: basterà scegliere come modalità di recapito della fattura la casella PEC inserendo l’indirizzo del destinatario e il Sistema di Interscambio provvederà in automatico a inoltrare la fattura digitale al titolare della PEC indicata.

Per ottenere una casella di PEC che abbia già integrato il software necessario alla visualizzazione delle fatture elettroniche, è possibile attivare il servizio Leggi Fatture di Aruba, una soluzione innovativa per gestire in maniera semplice e veloce i file XML in arrivo. Scegliendo la PEC di Aruba, tutte le fatture elettroniche ricevute verranno raccolte in una specifica cartella di destinazione creata automaticamente nella propria Webmail PEC e, per chi utilizza uno smartphone, nell’app Aruba PEC Mobile. A quel punto saranno facilmente visualizzabili e leggibili, attraverso un’anteprima. A semplificare ulteriormente l’utilizzo, le PEC contenenti fatture elettroniche saranno contrassegnate da un’apposita icona, così da essere immediatamente riconoscibili nella casella di posta in arrivo.

Attivare il servizio Leggi Fatture di Aruba è semplicissimo: se hai già una PEC con Aruba, basta un click dal tuo Pannello di Gestione Mail PEC, mentre per chi ancora non possiede una PEC, Aruba rimane ancora una volta la scelta migliore e più conveniente perché, in questo caso, si può attivare una PEC già compresa del servizio Leggi Fatture a partire da soli 5,00 € + IVA all’anno.

Insomma, Aruba vi toglie ogni dubbio sulla fatturazione elettronica, proponendo la sua Posta Elettronica Certificata come un’alternativa valida ed economica per quanti vogliono ricevere le fatture originali su una casella di posta.

Attiva ora la tua casella di posta elettronica e le fatture elettroniche, da oggi, leggile con la PEC!

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

  • Contagi di nuovo vicini a quota 200, ma boom di tamponi: tre i morti per Covid nelle ultime ore

Torna su
NapoliToday è in caricamento