Notizie

ANM: perdite per 9 milioni di euro a causa dell'emergenza Coronavirus

In due mesi dalle strisce blu incassato l'equivalente di un solo giorno in condizioni ante Coronavirus. Pesanti le conseguenze dell'emergenza epidemica sull'azienda che gestisce il trasporto pubblico in città

La commissione Bilancio di Palazzo San Giacomo ha esaminato in videoconferenza la situazione finanziaria di Anm, con la partecipazione dell'amministratore unico della partecipata, Nicola Pascale, e del vicesindaco e assessore al Bilancio Enrico Panini.

Indiscutibilmente difficile la situazione dell'azienda: durante gli scorsi mesi di marzo ed aprile, infatti, ANM ha accumulato perdite per complessivi 9milioni di euro, di cui 4 a marzo e 5 ad aprile. L'amministratore unico Nicola Pascale, in particolare, ha evidenziato che durante il lockdown l'azienda ha comunque fornito il servizio di trasporto pubblico locale, sia pure ridotto del 50 per cento, e ha attivato la cassa integrazione per 569 dipendenti le cui funzioni non potevano in alcun modo essere svolte, come, ad esempio, gli addetti al controllo dei titoli di viaggio. Dei dipendenti in cassa integrazione, con l'avvio della Fase 2, una cinquantina sono poi rientrati in servizio per regolamentare l'incarrozzamento nel rispetto delle norme nazionali che impongono limiti tassativi per l'accesso ai mezzi pubblici: 125 persone a treno nelle metropolitane; 40 persone a treno nelle funicolari; 20 persone ad autobus. Se poi c'è stata una compensazione tra mancati introiti e minori spese, ha spiegato Pascale, un bilancio complessivo si potrà fare solo in seguito, tenendo conto anche delle maggiori spese sostenute dall'azienda per la sanificazione e per l'acquisto di DPI.

I dati sono negativi anche per quanto riguarda gli introiti dalle strisce blu: tra marzo e aprile sono stati incassati solo 10mila euro, l'equivalente di un solo giorno di attività a pieno regime.

Sul piano economico e finanziario, l'amministratore unico di ANM ha precisato che il bilancio 2018 dell'azienda era stato chiuso in attivo e che il 2020 era iniziato bene per l'azienda.

In attesa di discutere l'approvazione del nuovo bilancio il prossimo 15 giugno, è stata aperta una interlocuzione con il Ministero dei Trasporti per verificare la possibilità che i mancati ricavi possano essere coperti dallo Stato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ANM: perdite per 9 milioni di euro a causa dell'emergenza Coronavirus

NapoliToday è in caricamento