Rc Auto, prezzi ancora in calo ma l'Europa è lontana

Secondo le stime dell'Ivass il premio si è abbassato e la differenza tra Napoli e Aosta, le città con quello maggiore e inferiore, si è ridotta

Il fenomeno oramai, come confermato dall'Ivass, va avanti da cinque anni: il premio medio delle assicurazioni è in calo.
Napoli resta la città maggiormente vessata ma, come spiega il presidente dell'Ivass Fabio Panetta nelle “Considerazioni sull'attività dell'authority nel 2018”, “si è ridotto il differenziale dei premi sul territorio tra la provincia a più alto costo (Napoli) e quella storicamente a costo più basso (Aosta), dai 380 euro del 2013 ai 237 euro di fine 2018”. Inoltre, negli ultimi cinque anni "il premio medio è sceso del 19,5%, dai 515 euro di fine 2013 ai 415 euro di dicembre 2018”.

Intanto il divario con i maggiori paesi europei resta di quasi 100 euro. “Nel confronto internazionale – sottolinea ancora Panetta – il premio medio netto nel 2018 è ancora superiore a quello dei maggiori paesi europei (Francia, Germania e Spagna) ma c'è stata un'evidente riduzione del divario: da 202 euro nel 2012 a 97 euro nel 2018".

"RcAuto cara? Diventano tutti bulgari": l'inchiesta di Luca Abete

Inoltre, continua a crescere "la diffusione delle scatole nere. A fine anno erano presenti nel 22,2% dei contratti a livello nazionale, con valori significativamente più elevati nelle province più esposte al rischio di frode. Il loro utilizzo ha contribuito alla riduzione dei prezzi delle coperture". "Tuttavia – secondo Panetta – le rilevazioni periodiche cominciano a segnalare possibili effetti di lock-in associati allo strumento: gli assicurati con scatola nera si mostrano meno propensi a cambiare compagnia. È essenziale il completamento della disciplina sulla portabilità delle scatole nere per evitare che la loro diffusione porti con sé effetti indesiderati sul grado di concorrenza del mercato". "Metteremo a disposizione - conclude il presidente Ivass - delle imprese e delle autorità inquirenti due strumenti fortemente innovativi: la piattaforma per lo scambio di informazioni sui sinistri tra le compagnie e i risultati della network analysis sui big data contenuti nell'Archivio integrato antifrode (Aia) gestito dall'Ivass".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento