De Magistris a Mattino 5: "Incomprensibile il divieto di consegnare le pizze"

Il sindaco di Napoli è intervenuto nella trasmissione Mediaset per chiedere alle autorità regionali lo sblocco del cibo a domicilio: "Aiuterebbe le persone a restare a casa e darebbe un contributo all'economia"

 

Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, è intervenuto a Mattino Cinque per accogliere l'appello dei pizzaioli partenopei per riprendere la consegna a domicilio delle pizze: "Non si comprende perché in Campania ci sia il divieto di portare a casa qualsiasi tipo di cibo. Credo che consegnare a domicilio la pizza o altri tipi di pietanze aiuterebbe le persone a non uscire. Sarebbe anche un modo per far ripartie l'economia e chi non ha reddito potrebbe portare le pizze". 

Il primo cittadino si è poi soffermato sulle difficoltà nell'affrontare l'emergenza: "Anche in Campania, come nel resto d'Italia, la Sanità è stata smantellata dai tagli. Per questo, i napoletani si sono chiusi in casa prima delle ordinanze. Sappiamo che, al netto delle eccellenze, c'è un gap strutturale". 

Sull'ipotesi di un provvedimento di legge che salvaguardi l'operato dei dirigenti della Sanità di fronte alla legge, de Magistris ha espresso il suo pensiero: "L'idea che si voglia far passare uno scudo penale per chi ha maciullato la Sanità è un reato politico. Io mi affido all'indipendenza della magistratura. Non credo ci debba essere un accanimento a chi ha preso scelte durante l'emergenza, a meno che non ci siano comportamenti criminali". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento