Martedì, 15 Giugno 2021
Imprese

Imprenditoria femminile: cosa serve sapere

Aiuti e agevolazioni per le donne che vogliono intraprendere un'iniziativa imprenditoriale. Ecco i siti da tenere d'occhio

Perché un'impresa sia "femminile" è necessario che

per le società di capitali, la partecipazione di genere risulti complessivamente superiore al 50% mediando le composizioni di quote di partecipazione e cariche attribuite 

per le Società di persone e cooperative, oltre il 50% di "Soci" siano donne

per le Ditte individuali, il titolare sia donna

per tutte le altre forme giuridiche, oltre il 50% degli "Amministratori" siano donne.

Sono numerose, ad ogni livello territoriale, le iniziative volte a promuovere l'imprenditoria "rosa" mediante apposite facilitazioni e contributi, anche a fondo perduto.

L'imprenditoria femminile viene infatti unanimemente riconosciuta come un importante motore per il sistema produttivo del nostro Paese ma è anche evidente la necessità di colmare il gap culturale oltre che di occasioni e possibilità determinato dal fatto che per secoli le donne sono state costrette ad aver cura, praticamente da sole, della famiglia, dei figli e della casa.  Così, tra l'altro, la Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le pari opportunità del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese offre alle donne (ma anche ai giovani) modalità semplificate di accesso alla garanzia dello Stato, con copertura fino ad un massimo dell’80% del finanziamento necessario per avviare un'attività.

Per fondi e agevolazioni vedi anche

Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Invitalia - finanziamenti a tasso 0

Unioncamere

Regione Campania - fondi 2020

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditoria femminile: cosa serve sapere

NapoliToday è in caricamento