Isolamento da Coronavirus e violenza domestica: cosa fare

Esperienza e statistiche dicono che nei giorni di stretta convivenza familiare aumentano gli episodi di violenza. I numeri da chiamare

Le norme anti-contagio da Coronavirus richiedono di stare a casa. La condivisione di ambienti e ritmi assieme all'ansia generata dall'emergenza sanitaria e allinstabilità economica dovuta allo stop di tantissime attività, in alcuni casi rischia di diventare una vera e propria miscela esplosiva.

Le statistiche, infatti, indicano che i momenti in cui gli episodi di violenza domestica aumentano sono vacanze e festività, cioè i periodi in cui la convivenza familiare è più stretta. I rischi sul piano emotivo, cognitivo, comportamentale - in particolare per i minori - determinati su questo fronte dall'isolamento imposto dalla battaglia contro il virus sono stati già evidenziati da alcune organizzazioni cinesi.  E non è un caso se in questi giorni le associazioni impegnate sul territorio hanno iniziato a notare un calo delle richieste d'aiuto: la stretta convivenza all'interno delle case, infatti, rende impossibile chiedere aiuto.

Per questo motivo, in particolare, la ASL Napoli 1 Centro tiene a far sapere che il centro antiviolenza OLV resta comunque attivo per garantire sostegno e consulenza, al partner più debole come a chi si rende conto che sta per perdere il controllo. Gli operatori rispondono al 338.5004398 dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00; dalle 14.00 alle 17.00 e dalle 18.30 alle 20.00, ma possono essere contattati anche via mail o Facebook agli indirizzi riportati in foto

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I contatti utili: resta attivo 24 ore su 24 ed accessibile dall’intero territorio nazionale gratuitamente, sia da rete fissa che mobile, in italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo  il Numero Nazionale Antiviolenza Donna 1522 che offre informazioni utili e orienta verso i servizi di aiuto territoriali.

In caso di pericolo immediato, invece, è fondamentale rivolgersi direttamente alle Forze dell’Ordine o al Pronto Intervento (Carabinieri – 112, Polizia di Stato – 113, Emergenza sanitaria – 118).  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento