I risparmi delle famiglie napoletane alla prova Coronavirus

Il Covid-19 preoccupa le famiglie anche per quanto riguarda i risparmi. Gli esperti consigliano prudenza, ma non tutto è negativo. I consigli

Italia chiusa per Coronavirus. E la situazione, a poco più di due settimane dall’inizio dei contagi, genera sempre più incertezze sul fronte dei risparmi. A certificarlo i primi dati: secondo uno studio condotto da Cerved, in particolare, un’azienda su dieci rischierebbe il fallimento nel caso in cui l’emergenza non si arrestasse entro l’anno con conseguenze che potrebbero essere ancor più drammatiche nella nostra città che ha un'economia fortemente orientata al turismo e in genere al terziario. Un’ulteriore conferma del trend negativo arriva poi dai mercati finanziari.

Dopo un 2019 che l’aveva incoronata regina delle Borse globali, Piazza Affari nelle ultime sedute ha registrato numeri da bollino rosso, bruciando 14 mesi di guadagni e facendo segnare le peggiori performance dai tempi della crisi del 2008. Milano, però, non è sola: tutti i listini europei hanno messo a segno performance negative a doppia cifra, a causa di una volatilità che ha colpito anche Wall Street.

“I risparmiatori del territorio ci stanno chiedendo con forza di guidarli nelle strategie per proteggere sia i patrimoni familiari che quelli legati all’impresa – commenta Corrado Liguori, Area Manager di Banca Generali Private nel Sud Italia, che aggiunge – il momento dei mercati è certamente complesso e la forte volatilità invita alla prudenza affidandosi a professionisti esperti nel valutare le posizioni del risparmio. In questa fase ci arrivano dalle famiglie del territorio tante richieste sugli investimenti ed è importante superare i rischi legati all’emotività per concentrarsi sugli obiettivi di lungo termine, controllando sempre al meglio il livello di diversificazione geografica e di decorrelazione tra le diverse asset-class”.

La storia e le statistiche ci dicono che nel lungo termine i mercati hanno sempre reagito positivamente anche di fronte a crisi di portata simile all'attuale, facendo recuperare in poco tempo il terreno perso in precedenza: nel 2009, l’influenza suina che partì dal Messico fece perdere pesantemente l’indice Msci Mexico che però nei tre mesi successivi salì addirittura del 25,7%. E simile è stato il comportamento dei mercati nel 2014 con Ebola e nel 2016 con Zika. Se si guarda poi il caso più simile al Coronavirus, i numeri possono indurre ancora di più all’ottimismo: nel 2003, infatti, l’epidemia di Sars bruciò oltre 25 miliardi di dollari di Pil cinese che però furono rapidamente recuperati appena cessato l’allarme, mentre il principale indice borsistico - l’Msci China index – perse l’8,6% in due mesi prima di rimbalzare addirittura del 31%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’attuale fase di correzione dei mercati non deve indurre al panico o a disinvestimenti irrazionali – commenta ancora Liguori – “certamente alcuni titoli come le obbligazioni governative hanno raggiunto livelli minimi di rendimento, molto accentuati sull’ansia del momento, e le azioni hanno corretto velocemente, ma non dimentichiamo che non siamo comunque lontani dai massimi toccati solo poche settimane fa. E’ importante guardare alle asimmetrie di mercato e valutare le opportunità di alcuni settori come ad esempio il mondo del pharma o delle garanzie finanziarie solo per fare alcuni esempi. Complessivamente sempre meglio affidarsi al proprio consulente e adottare tre semplici regole: rimanere ancorati ai propri obiettivi; non effettuare tante operazioni; mantenere un elevato grado di diversificazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento