Congiunti: chi sono ai sensi di legge

L'ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri consente gli spostamenti per incontrare "congiunti". Ecco la normativa vigente cosa dice

Il Dpcm 26 aprile 2020 all' Art. 1 "Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale", comma 1, lettera a), dice che

"sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie".

Dunque, si potranno incontrare i congiunti, anche se a patto di non abbracciarli né baciarli, perché andrà comunque sempre mantenuta la distanza di sicurezza di "almeno un metro"e dovranno essere indossate le mascherine.

La disposizione, soprattutto per le coppie non conviventi, che si sono trovate forzatamente separate dal lockdown, assume certamente i contorni del supplizio di Tantalo, il re di Sipilo, figlio di Zeus, che per aver rubato l'ambrosia dalla mensa degli dei venne condannato a guardare cibo e bevande senza poterne mai godere.

Baci e abbracci a parte, comunque, la norma dice che gli spostamenti non sono consentiti per incontrare chiunque, ma solo "i congiunti". 

Chi sono i congiunti

La giurisprudenza non offre una definizione precisa di chi siano i "congiunti". Il termine, infatti, si trova riportato solo nell'art. 307 del Codice penale, che si riferisce al concetto civilistico di parenti e affini, loro sì "definiti" dalla legge e in particolare dal titolo V del Codice civile (Della parentela e delle affinità), cui nel 2016, con la legge n. 76, si è aggiunta la nozione di componenti di un'“unione civile” e di “conviventi di fatto”.

Per legge "Sono parenti in linea retta le persone di cui l'una discende dall'altra; in linea collaterale quelle che, pur avendo uno stipite comune, non discendono l'una dall'altra" ed entro e non oltre il 6° grado.

Invece "L'affinità è il vincolo tra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge. Nella linea e nel grado in cui taluno è parente d'uno dei coniugi, egli è affine dell'altro coniuge".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In attesa di una precisazione, che eviti fraintendimenti, voci provenienti da Palazzo Chigi riportate dall'agenzia di stampa Ansa dicono che per la presidenza del Consiglio “congiunti”, in tempi di Fase 2, sarebbero anche "fidanzati stabili e affetti stabili",  beninteso da guardare e non toccare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

  • La tragedia di Maya: travolta e uccisa a 15 anni su piazza Carlo III

  • Tony Colombo si esibisce a Torre del Greco: centinaia di persone si scatenano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento