Come scoprire se nel tuo cuscino ci sono acari dermatophagoides e cosa sono

Tutte i segnali della loro presenza e le strategie per combattere questi terribili allergenizzanti

Se appena metti la testa sul cuscino iniziano

  • starnuti e/o tosse
  • congestione nasale
  • arrossamento, prurito e/o gonfiore agli occhi 
  • congiuntivite, lacrimazione
  • fastidio alla luce
  • prurito al naso, al palato o alla gola
  • senso di malessere generale, debolezza, affaticamento e disturbi del sonno,

non ci sono dubbi: il tuo letto è abitato da "dermatophagoides spp", ovvero divoratori di epidermide cioè i terribili acari della polvere.  

 Al suo interno un singolo materasso può contenere fino a 10 milioni di acari.

Gli esperti in un solo grammo di polvere ne hanno contati oltre 2.000.

Addirittura il 10% del peso di un cuscino di 2 anni può essere costituito da scheletri di acari e scarti della loro digestione.

Cosa sono gli acari

Questi terribili animaletti responsabili di circa il 75% delle allergie respiratorie sono minuscoli aracnidi, con una vita media di circa 3 mesi, che si riproducono al ritmo di un uovo al giorno e si nutrono di desquamazioni umane: forfora, pellicine, capelli, unghie etc. Adorano il caldo e l'umidità. Dunque il loro habitat preferito è tra coperte e lenzuola, su divani e poltrone, tappeti e tende. Odiano invece la luce solare e muoiono se l'umidità si abbassa troppo

Come combattere gli acari

Tenere sotto controllo gli acari è possibile. Vediamo come:

Temperatura: la casa e in particolare le camere da letto vanno tenute possibilmente ad una temperatura inferiore ai 20 gradi, con un tasso di umidità non superiore al 50%. E' molto importante inoltre cambiare l'aria, più volte ,nel corso della giornata, anche d'inverno.

Letti: bisogna sempre arieggiare il letto prima di rifarlo, possibilmente stendendo alla luce per almeno mezz'ora lenzuola, coperte e copriletti

Pavimentazione e rivestimenti: meglio evitare la moquette a favore di superfici facilmente lavabili. Se presenti, i tappeti andrebbero puliti ogni giorno, da entrambi i lati, con l'aspirapolvere.

Pulizia: gli acari vivono nella polvere. Meglio quindi riporre al chiuso tutto quello che non può essere facilmente spolverato e/o lavato. Tutto quello che non può essere lavato a temperature superiori ai 60 gradi e/o successivamente stirato ad alta temperatura può essere riposto in frigorifero o, meglio ancora, in freezer, per 24 ore prima di essere lavato: con il freddo infatti la vita degli acari si riduce fino al 75%

Tende: le tende vanno lavate in inverno almeno ogni tre mesi, in estate almeno una volta al mese

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indumenti: giacche, pullover, cappotti etc. prima di essere riposti negli armadi andrebbero lasciati per un po' all'aria, possibilmente al sole Materassi, cuscini e coperte vanno protetti con rivestimenti traspiranti dotati di certificazione antiacaro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Campania, torna l'obbligo di mascherina all'aperto fino al 4 ottobre: l'ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento