menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pista ciclabile

Pista ciclabile

La pista ciclabile si amplia: "Una enorme rete di 160 chilometri"

Il progetto Bike plan presentato in Comune: sarà realizzato anche grazie al Fondo europeo di sviluppo regionale. I percorsi realizzati sulle aree pianeggianti della città pari a circa il 50% del territorio

L'obiettivo è quello di creare una enorme rete ciclo-pedonale di 160 chilometri a Napoli: per farlo è pronto un investimento di 8 milioni di euro. Il progetto si chiama Bike plan ed è stato presentato in Comune dall'assessore alla Mobilità, Anna Donati, e dai vertici di Anea, l'Agenzia napoletana energia ambiente. '

'Non si tratta affatto del libro dei sogni - spiega il direttore di Anea, Michele Macaluso - Il primo tassello partirà a breve, entro fine anno ci saranno le gare per riqualificare l'area est e polo nei pressi della Mostra d'Oltremare e si procederà con i primi 15 chilometri di pista ciclabile che si aggiungerà a quella già esistente e tanto contestata''.

COSA PREVEDE IL PROGETTO - La novità sarà realizzata anche grazie al Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) e non terrà conto solo dei cosiddetti percorsi viari principali, ma anche di strade e zone considerate più periferiche. Assieme alle piste ciclabili si lavorerà anche al potenziamento del servizio di bike sharing. ''Da uno studio morfologico - spiega Macaluso - è emerso che Napoli è sì una città collinare, ma che ha anche 9 ambiti pianeggianti con pendenze inferiori al 3%. Il piano è calibrato su uno scenario di riferimento 2015, anno per il quale si prevede il completamento dei grandi progetti del Porto, di Napoli est, del Polo Fieristico, dell'Ospedale del Mare, di Scampia o l'avvio di interventi come quelli sull'ex sede dalla nato a Bagnoli. Si tratta di zone altimetriche diverse, ma che con i mezzi su ferro si raggiungono facilmente''.

I PERCORSI - Il piano è anche il risultato di un tavolo tecnico con le associazioni ambientaliste e dei ciclisti e individua una rete continua di percorsi definendo gli assi primari, tra i quali rientra l'asse costiero recentemente realizzato, e le reti locali di quartiere. Secondo lo studio di Anea, i percorsi sono ovviamente realizzati sulle aree pianeggianti della città, pari a circa il 50% del territorio con una popolazione residente di oltre 700.000 abitanti e con la presenza dei maggiori poli funzionali. I macroambiti sono Centro storico con l'appendice del Vomero Arenella, area occidentale, area nord e area Centro Direzionale, Napoli est quartieri orientali. Il Piano individua anche interventi specialistici, come ad esempio quelli all'interno dei parchi urbani, i percorsi sicuri nei pressi delle scuole o di connessione tra luoghi frequentati da utenze deboli, come i progetti pilota del Vomero e di Scampia. Il totale della lunghezza delle strade interessate dagli itinerari d'ambito e portanti è pari a Km 163,00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Attualità

Apre l'hub vaccinale di Capodichino. De Luca: "Il più attrezzato d'Italia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento