rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
mobilità

Napoli ha il suo "Sindaco della Bicicletta", è Luca Simeone: la nomina dagli olandesi di Bycs

Ce ne sono dal 2016 ed in oltre 120 città, tra cui Roma e Firenze in Italia. Il loro compito è essere promotori di cambiamento perché cresca l'uso della bicicletta nelle città e questo comporti benefici economici, sociali, sanitari e ambientali

Bycs è una organizzazione non governativa, globale ma di base ad Amsterdam in Olanda, che supporta il cambiamento urbano attraverso la ciclabilità. Ente certificatore che collabora con società civile, governi e altre organizzazioni no profit, ha scelto il "Bicycle Mayor" (Sindaco della Bicicletta) di Napoli: sarà Luca Simeone, direttore del Napoli Bike Festival.

Il Sindaco della Bicicletta (ce ne sono dal 2016 ed in oltre 120 città, tra cui Roma e Firenze in Italia) è un "promotore di cambiamento". Il suo obiettivo è interfacciarsi con istituzioni locali e nazionali, con le imprese, l’associazionismo e la cittadinanza perché cresca l'uso della bicicletta e questo comporti benefici economici, sociali, sanitari e ambientali.

"Napoli – ha spiegato Simeone sul sito di Bycs nel commentare la sua nomina – è una città molto colorata, affascinante ma anche molto complessa. Conta circa un milione di abitanti che vivono in un'area piuttosto piccola con un'altissima densità abitativa. La città è caratterizzata da un alto livello di disoccupazione e povertà. Pertanto, la possibilità di creare mobilità in bici e micromobilità potrebbe aiutare soprattutto le fasce più vulnerabili della nostra società. In effetti, la mia motivazione nel lavorare in questo campo è la volontà di creare un impatto positivo (soprattutto finanziario) per queste persone".

"Uno dei miei obiettivi principali – prosegue ancora il direttore del Napoli Bike Festival – è rendere la ciclabilità cittadina migliore, più sicura e più disponibile per bambini e pendolari. A Napoli la qualità della vita dei bambini è molto bassa e c'è anche un livello piuttosto alto di obesità tra i 5 e i 10 anni. Un progetto è quello di creare delle 'strade scolastiche' pensate come aree protette all'esterno di alcune scuole selezionate. Questo per incoraggiare persone e bambini a usare la bicicletta per andare a scuola. Anche i pendolari fanno parte del mio gruppo target. Penso che chiunque sia per il 'bike to work' abbia le potenzialità per convincere/attrarre quante più persone possibili ad utilizzare la bicicletta per andare al lavoro".

Simeone ha fatto sapere che chiederà un appuntamento al sindaco di Napoli Gaetano Manfredi anche e soprattutto con la volontà di portare contributi concreti alle soluzioni infrastrutturali ciclabili che la città si appresta a realizzare attraverso il Pnrr.

La nostra intervista a Luca Simeone sulla mobilità in città

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napoli ha il suo "Sindaco della Bicicletta", è Luca Simeone: la nomina dagli olandesi di Bycs

NapoliToday è in caricamento