Arpac, controlli a luglio: rientra l'allarme a via Partenope

Rientrati nei limiti di legge anche “Marina di Vita Fumo” a Monte di Procida, “Punta Montalto” a Massa Lubrense ed “Ex Bagno Rex” a Portici

Arpac ha concluso i controlli routinari del mese di luglio, svolti in tutti i 328 punti rappresentativi di altrettante acque di balneazione monitorate dall’Agenzia. In aggiunta a questi, nel corso del mese sono stati finora svolti 81 prelievi di altro tipo, identificati sul Portale della balneazione dell’Agenzia con le sigle S (supplementari), PS (di studio), DEL (di delimitazione) ed EME (emergenziali). Da un'analisi dei dati di luglio, diffusi in tempo reale anche sul Portale acque del ministero della Salute e attraverso l’app “Arpac Balneazione” per dispositivi mobili, emergono nuove criticità in provincia di Napoli, di cui alcune rientrate in seguito ai successivi controlli.

La situazione delle spiagge napoletane

Sono rientrati nei limiti di legge il tratto “via Partenope” nel comune di Napoli, “Marina di Vita Fumo” a Monte di Procida, “Punta Montalto” a Massa Lubrense ed “Ex Bagno Rex” a Portici, per i quali, negli ultimi campionamenti effettuati, sono stati registrati esiti favorevoli per i parametri batteriologici determinanti la balneabilità. Restano invece in divieto di balneazione tre acque del comune di Pozzuoli, cioè “Area Industriale”, “Stabilimento Balneare” e “La Pietra”. In queste tre aree sono in corso oggi ulteriori prelievi: i risultati verranno diffusi nei prossimi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • Coronavirus, è epidemia sulla Diamond Princess: tornano a casa i campani a bordo

Torna su
NapoliToday è in caricamento