rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
life

Pecoraro Scanio: ”Il Golfo di Napoli pulito e plastic free è possibile anzi è un dovere"

Il 14 gennaio, alla vigilia dell’incontro dei Comuni #PlasticFree, entra in vigore la norma che recepisce la direttiva europea sulle plastiche monouso, che Pecoraro Scanio definisce "azzoppata". L'intervista di NapoliToday

Sabato a Sorrento si terrà il primo incontro dei Comuni #PlasticFree della provincia di Napoli e della Campania. La Fondazione UniVerde, presieduta da Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro dell’Ambiente, è partner dell’iniziativa.

Ci fornisce qualche dettaglio al riguardo?
"La difesa del mare è la prima ragione per cui fondai a Salerno una delle prime liste verdi d’Italia, poi da giovane assessore aprii il depuratore e resi di nuovo balneabile il mare. Anni dopo, nel 2006, da ministro, come primo atto aggiunsi la Tutela del Mare nel nome del Ministero dell’Ambiente. Ho sempre considerato una priorità la difesa del polmone blu del pianeta e la Fondazione UniVerde, da oltre un decennio, con la campagna Mediterraneo da remare diffonde buone pratiche #PlasticFree e sostiene la Guardia Costiera e tutte le realtà che difendono il mare. A novembre abbiamo organizzato con il Comune di Tivoli un primo incontro dei comuni impegnati nelle ordinanze contro le plastiche monouso e ora con Sorrento siamo al secondo appuntamento".

Proprio il 14 gennaio, alla vigilia dell’incontro, entra in vigore la norma che recepisce la direttiva europea sulle plastiche monouso. Il vostro, è il primo incontro dopo la svolta. Cosa vi aspettate?
"Purtroppo il Governo non ha emanato i decreti attuativi e la riforma parte azzoppata ma proprio per questo occorre valorizzare e moltiplicare le iniziative di Comuni, associazioni e imprese che stanno già limitando o vietando le plastiche monouso definite dalla direttiva. Serve una rete civica ed EcoDigital che agisca dal basso".

Cosa significa EcoDigital?
"E' la campagna di sensibilizzazione alla transizione ecologica e digitale perché occorrono best practice ecologiche ma anche la forza del digitale per diffondere e monitorare le azioni. Ci sono troppe dichiarazioni supergreen a cui non fanno seguito azioni coerenti. Pensiamo proprio alla Ue che vorrebbe inserire nucleare e gas tra le rinnovabili, una presa in giro e un pericolo".

Che partecipazione prevedete?
"Il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, e il Presidente del consiglio comunale, Luigi Di Prisco, hanno invitato all’incontro stampa sindaci e consiglieri ma ovviamente molti saranno online per ridurre la presenza di persona. Il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, modererà e ci sarà la presenza del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, che presiede la Città metropolitana, e in collegamento la ex Sindaca di Roma, Virginia Raggi, che lanciò il progetto del litorale di Ostia #PlasticFree, e anche il Sindaco di Tivoli”.

Intende lanciare una sfida sul Golfo di Napoli?
"Certo, da Sorrento non possiamo non lanciare la sfida per un Golfo pulito, disinquinato, balneabile e ovviamente plastic free. Dopo il colera del 1973 nel 1974 fu lanciato il cosiddetto Ps3 ovvero il piano di disinquinamento del Golfo di Napoli. Poi abbiamo investito cifre enormi per ripulire il Sarno e solo la pandemia ci ha dimostrato quanto le industrie siano determinanti nel livello di inquinamento. Oggi proprio le tecnologie ecologiche e digitali possono aiutarci a ottenere un mare davvero pulito e monitorare costantemente la situazione, garantendo a cittadini e imprese vera trasparenza. Penso alle barriere che bloccano le plastiche, alle navi dissalatrici, ai nuovi spazzamare elettrici e ai tanti sistemi di controllo satellitari e con i droni".

pecoraro scanio-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pecoraro Scanio: ”Il Golfo di Napoli pulito e plastic free è possibile anzi è un dovere"

NapoliToday è in caricamento