energia

Energia, a Napoli la Conferenza GNL 2017

Alla Mostra d'Oltramare il più importante evento internazionale dedicato all’area euro mediterranea sugli usi diretti del metano liquido nei trasporti marittimi, terrestri pesanti e nelle industrie e reti isolate

A Napoli, ieri e oggi, due giorni dedicati alla IV ConferenzaGNL, il più importante evento internazionale dedicato all’area euro mediterranea sugli usi diretti del metano liquido nei trasporti marittimi, terrestri pesanti e nelle industrie e reti isolate. L'incontro si chiuderà oggi alle 17.

Tanti gli imprenditori, operatori e investitori presenti, che hanno scelto di portare nella Capitale del Sud, punto di riferimento del Mediterraneo, il tema e le tecnologie del metano liquido. "La tutela dell’ambiente e la mobilità sostenibile - si legge in una nota - saranno le carte vincenti per la diffusione del GNL, il gas naturale liquefatto, che anche nel Mezzogiorno consentirà  importanti investimenti e, di conseguenza, notevoli opportunità occupazionali". Si tratta solo di alcuni dei temi affrontati nella IV ConferenzaGNL che ha riunito al Palacongressi della Mostra D’Oltremare esperti provenienti da Cina, Stati Uniti, Russia, Israele, Giordania, Malta, Grecia, Marocco…e i manager delle grandi imprese del settore.

Contemporaneamente alla ConferenzaGNL alla quale sono intervenuti, tra gli altri, Ennio Cascetta, Donatella Chiodo, Pietro Spirito, Gilberto Dialuce, si è svolta la seconda edizione di ExpoGNL, anch’essa organizzata, in collaborazione con Wec Italia, dalla Mirumir di Milano, società specializzata in fiere tecniche.

Per la prima volta è stato possibile vedere nel Sud d’Italia camion alimentati con solo GNL o dual fuel (Diesel e GNL); una autobotte per il trasporto del GNL con annessa stazione mobile di rifornimento e serbatoi criogenici per vari usi del metano liquido.

Illustrate, nei vari stand, le soluzioni maggiormente diffuse e quelle più innovative dell’impiego del GNL di piccola taglia. In programma anche seminari, appositamente pensati per il pubblico della ExpoGNL, per approfondire vari aspetti di produzione e impiego del nuovo combustibile a minore impatto ambientale tra i combustibili tradizionali.

“Nell’uso diretto del GNL come combustibile – ha spiegato il coordinatore scientifico delle manifestazioni Diego Gavagnin, alla vigilia dell'iniziativa – è particolarmente importante investire nel Mezzogiorno, sia per i trasporti terrestri, oggi la stazione di servizio più a sud è nelle Marche, sia per il rifornimento delle navi, con Livorno primo deposito previsto nell’Italia continentale. Non è un caso che proprio a Napoli le autorità portuali promettono di varare entro fine anno una ‘manifestazione di interesse’ per ospitare un primo grande deposito di GNL per un investimento di decine di milioni di euro. Fondamentale poi intercettare il traffico marittimo tra Suez e Gibilterra, che rappresenta il 17% di quello mondiale ed è in crescita, per renderlo ecocompatibile”.

All’evento ha preso parte anche Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica, che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti GPN e GNL e le imprese che costruiscono attrezzatture ed impianti o forniscono servizi nel settore. Sono 40 le imprese associate ad Assogasliquidi, che operano nel settore del GNL, impegnate lungo tutta la filiera, dall’approvvigionamento alla distribuzione, alle utenze finali.

 

Ad oggi, risultano operativi 16 impianti di uso industriale e 2 che alimentano reti canalizzate ad uso civile e terziario, 9 stazioni di servizio alimentate da serbatoi di GNL che distribuiscono GNL e CNG (Gas Naturale Compresso), 10 stazioni di servizio alimentate da serbatoi di GNL che distribuiscono solo GNL. Nel 2015 i consumi totali di GNL sono stati pari a 16,3 tonnellate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia, a Napoli la Conferenza GNL 2017
NapoliToday è in caricamento