Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Amianto e rifiuti speciali: bonificata via Miranda

 

I cittadini l'attendevano da mesi e personale dell'Asia, dei vigili urbani e di una ditta specializzata hanno rimosso dai cassonetti e dalla strada chili di rifiuti speciali: vestiti usati, materiale di risulta, ma soprattutto amianto. Decine le lastre di ternit abbandonate nei normali cassonetti dei rifiuti e in evidente stato di degrado. 

Dopo aver provveduto alla rimozione dei materiali inquinanti, la squadra speciale ha provveduto al sequestro dell'amianto e alla bonifica dei singoli cassonetti e dell'area circostanze, al fine di rendere sicuro l'utilizzo dei cassonetti stessi. 

La zona di via Miranda è soggetta a continui sversamenti abusivi. Non soltanto sulla carreggiata e nei cassonetti, ma anche nel vicino cantiere edile abbandonato. In quest'area, oggi completamente ricoperta dalla vegetazione, i rifiuti speciali vengono spesso bruciati. Sono ben visibili i resti carbonizzati di diverse tipologie di materiali, tra cui eternit e carcasse di automobili. 

Il cantiere è posto sotto sequestro. Qui, nel 2005, trovò la morte il piccolo Francesco Paolillo, che cadde dallo scheletro di un palazzo in costruzione nel tentativo di salvare un coetaneo. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento