Favoloso contro Nina Moric. Lei: "Mi ha picchiato". Lui: "Mi vuole distruggere"

L'ex fidanzato della modella, ospite da Barbara D'Urso, replica alle accuse: "Ho dei momenti in cui perdo il controllo ma non le ho mai fatto del male"

Arrivano accuse pesanti per Luigi Mario Favoloso, ex fidanzato di Nina Moric, noto ai più per la partecipazione al Grande Fratello. La modella croata accusa Favoloso di essere stato violento con lei e con il figlio Carlos (che la Moric ha avuto dalla precedente relazione con Fabrizio Corona). Nina Moric allega alle accuse anche diversi messaggi che sarebbero stati inviati da Favoloso, messaggi minacciosi, e foto di lividi che sarebbero conseguenze delle botte ricevute. 

"Si, ho momenti in cui perdo il controllo", ha risposto Favoloso, rientrato in Italia dopo un lungo viaggio per rispondere alle accuse della ex fidanzata dal salotto televisivo di Barbara D'Urso. "Voglio chiarire che con Carlos non è successo nulla. E mi sono dovuto sacrificare per proteggere Nina, mi sono tagliato una mano, rotto una costola, non le ho mai tirato un calcio o un pugno", spiega Favoloso. 

"Lei non accetta il fatto che ci siamo lasciati, mi vuole distruggere". Secondo Favoloso quei lividi sarebbero la conseguenza di botte che la Moric avrebbe ricevuto dalla madre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

Torna su
NapoliToday è in caricamento