Federico II, dal 16 marzo online 2.600 docenti per corsi, esami e lauree

Quarantena da coronavirus: si terranno tutte le lauree della sessione straordinaria e tutti gli esami del periodo

Da domani la Federico II erogherà on line tutta l'attività didattica e le prove di fine corso. Per gli oltre 70.000 studenti federiciani saranno impegnati 2.600 docenti. I corsi di laurea che offre l'Ateneo sono 156, ciascuno con un numero elevato di insegnamenti. Si terranno tutte le lauree della sessione straordinaria e tutti gli esami del periodo. Per le modalità tutto è ben spiegato anche on line. Alcuni corsi sono già partiti nella scorsa settimana.

Il Rettore Arturo De Vivo spiega tutte le forze "La Federico II è un ateneo generalista, che può contare su una pluralità di competenze nei vari ambiti del sapere. È una comunità orgogliosa della qualità della sua ricerca e della sua ricca offerta formativa, orgogliosa dei servizi che riesce a erogare grazie alla dedizione del suo personale tecnico-amministrativo - sottolinea De Vivo - In questo momento così difficile di emergenza sanitaria, la Federico II è impegnata a fare in modo che tutte le proprie attività continuino con modalità a distanza".

In particolare, a partire dal giorno 16 marzo grazie all'uso delle risorse digitali riprendono on line lezioni, esami e lauree. Tutte le scadenze previste per la carriera degli studenti e gli stessi termini dell'anno accademico saranno rimodulati, sono previste attività di recupero quando la situazione potrà tornare alla normalità: "i diritti di tutti saranno tutelati e salvaguardati", promette De Vivo e aggiunge: "In questo sforzo di riorganizzazione in funzione dell'emergenza, i colleghi e il personale tutto della Scuola di Medicina offrono il loro contributo fondamentale e indispensabile, riuscendo come sempre a coniugare l'attività propriamente universitaria con l'impegno che oggi soprattutto, in misura straordinaria, il Policlinico Federico II profonde per la salute dei cittadini messa a rischio dal contagio del COVID 19. Per questo motivo la comunità federiciana ritiene del tutto ingiustificati gli attacchi contro il lavoro di docenti, medici, specializzandi, personale sanitario e universitario che operano nel nostro Policlinico, al servizio del sistema sanitario regionale. A loro intendo esprimere la gratitudine di tutto l'Ateneo per l'attività preziosa che svolgono, nel segno della grande tradizione della Federico II". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffaele Calabrò nominato vicepresidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

Torna su
NapoliToday è in caricamento