A Napoli il primo laboratorio europeo che studierà come coltivare piante commestibili nello spazio

Lunedì l'inaugurazione nella sede del Dipartimento di Agraria della Federico II

Il primo laboratorio in Europa, e tra i pochi al mondo, interamente dedicato alle piante per il supporto alla vita sarà inaugurato lunedì 4 novembre 2019, alle 9.30, nella Reggia di Portici, sede del Dipartimento di Agraria dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il laboratorio nasce dalla collaborazione tra l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e un gruppo di ricerca del Dipartimento di Agraria dell'Università di Napoli Federico II nell'ambito del programma MELiSSA - Micro-Ecological Life Support System Alternative: MELiSSA da oltre 30 anni studia, analizza e sviluppa sistemi e tecnologie per produrre cibo, rigenerare risorse vitali (acqua e ossigeno) e riciclare rifiuti organici di varia natura per missioni spaziali di lunga durata.

Il consorzio MELiSSA, gestito dall'ESA, è frutto di una partnership internazionale che comprende università, centri di ricerca e PMI operanti nel campo delle tecnologie e delle strutture.  Ai partecipanti al consorzio, che hanno sottoscritto un Memorandum of Understanding, si affiancano infatyti numerosi partner istituzionali e industriali: in totale, oltre 40 soggetti provenienti da 13 diversi Paesi europei costituiscono la comunità di MELiSSA, che può inoltre contare su una Fondazione e due società spin-off.

Tra i protagonisti di questo traguardo, il gruppo di ricerca del Dipartimento di Agraria dell'Università di Napoli Federico II composto da Stefania De Pascale, Giovanna Aronne, Carmen Arena, Veronica De Micco, Antonio Pannico, Roberta Paradiso e Youssef Rouphael, che da oltre 20 anni studiano aspetti biologici, agronomici e ambientali relativi alla coltivazione delle piante per lo Spazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il lavoratorio di Napoli, unico nel suo genere, è stato realizzato grazie al progetto di ricerca PacMan - PlAnt Characterization unit for closed life support system - engineering, MANufacturing & testing finanziato dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA). Alla cerimonia inaugurale Gaetano Manfredi, Rettore dell'Ateneo Federico II, Matteo Lorito Direttore del Dipartimento, Valeria Fascione, Assessore con delega alle Startup, Innovazione e Internazionalizzazione, Maria Rosaria Cirillo del Comune di Portici, Giorgio Saccoccia, Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, e Jose Gavira Izquierdo, Direttore Tecnico European Space Agency.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
NapoliToday è in caricamento