Gli studenti dell'Orientale preparano un docu-film sui giorni del Coronavirus

Il seminario con il regista Francesco Giordano e la sceneggiatrice Vanessa Lepre

Il docente Francesco Giordano, regista e videomaker, e la sceneggiatrice Vanessa Lepre hanno coinvolto i ragazzi del laboratorio di audiovisivi dell'Orientale di Napoli in un singolare esperimento a distanza per la realizzazione di un prodotto audiovisivo che possa essere un documento per l'Università e per i posteri del periodo storico che stiamo vivendo, alle prese con un'emergenza sanitaria che ha stravolto le nostre vite e il nostro modo di sentire e forse di emozionarci. 

Per l'occasione Francesco Giordano ha ricreato nel suo studio una vera e propra "tavola rotonda", una class room per suggerire l'idea della scrittura creativa quale esercizio collettivo. Il primo incontro-lezione coinvolgente e stimolante  ha avuto protagonista Vanessa Lepre, insegnante, sceneggiatrice, regista, esperta di scrittura creativa, presidente dell’associazione culturale “Teatro è vita”, che ha illustrato ai ragazzi i passaggi fondamentali per arrivare alla stesura di una sceneggiatura: dall'idea/concept al soggetto fino al trattamento, più tecnico e narrativo, punto finale del percorso. "È fondamentale partire da un'immagine nella nostra testa" - spiega Vanessa - "quindi sviluppare poi un racconto per immagini. Un processo che si può sintetizzare con l'espressione "Show don't tell!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Partendo dall'assunto che tradurre in immagini una storia significa non affezionarsi troppo alle parole, ma ricercare l'essenziale, senza la necessità di sottolineare con il linguaggio quello che le immagini già comunicano,  Vanessa Lepre ha quindi spiegato ai ragazzi cosa non puó mai mancare in una sceneggiatura: "non c'è storia senza conflitto e arco di trasformazione del personaggio, che non è mai quello di partenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
NapoliToday è in caricamento