rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Università

51 campioni per la Federico II

Cerimonia ufficiale per gli studenti che hanno partecipato al programma "Atleta federiciano", che punta ad agevolare la dual carrier

La maggior parte studia ingegneria, economia, medicina, informatica e giurisprudenza. Sono 51, abituati a lavorare per raggiungere risultati che raggiungono: negli studi come nello sport. Scherma, canottaggio, tennis, vela, sollevamento pesi, spada, arti marziali, pallanuoto, pallavolo, offshore, rugby, calcio, danza, calcio a 5, salto in lungo, karate, stacco da terra, volley, karate, arti marziali, motor sport, tiro a segno, aerobica, taekwondo, spada, pesca sportiva, sono le discipline degli studenti che hanno aderito alla prima edizione del programma Atleti Federiciani, nato per promuovere lo sport e sostenere gli studenti impegnati in attività sportive che richiedono un elevato impegno nella conciliazione della doppia carriera, universitaria e sportiva agonistica. Il successo ad alti livelli nello sport, infatti, richiede allenamenti intensivi e competizioni, in patria o all'estero, spesso difficili da conciliare con le necessità del sistema educativo. La presentazione nell’Aula Magna del complesso universitario Scampia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

I commenti

"Oggi festeggiamo i nostri primi 51 studenti a cui è riconosciuta la doppia carriera, che dà loro l’opportunità di conciliare il proprio impegno sportivo con gli impegni accademici - ha spiegato Rita Mastrullo, prorettrice dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che ha aperto e coordinato la manifestazione - L’Ateneo ha attivato il programma Atleta Federiciano per agevolarli, per non farli rinunciare ad un obiettivo e per evitare che mettano in campo degli sforzi personali irragionevoli. La giornata di oggi mi piace leggerla in una declinazione più ampia, oggi significa dare spazio all’integrazione, all’inclusione, alla diversità, al supporto, a tutti questi valori su cui il nostro Ateneo da sempre ha deciso di puntare e per questo nelle prossime celebrazioni che faremo, per il 799° compleanno della Federico II, ci sarà una giornata dedicata interamente alla comunità studentesca. Una giornata in cui i nostri studenti potranno raccontarsi e parlare delle esperienze in cui riescono a valorizzare le proprie aspirazioni in campo artistico, sportivo, sociale".

"A questi atleti offriamo la possibilità di agevolare le proprie carriere sia sportive che universitarie attraverso tutor che li supportano nello studio, dando loro la possibilità di recuperare le date di esame o di concordare le modalità e le date con i loro professori e di recuperare i corsi obbligatori - ha sottolineato Guido Iaccarino, delegato allo Sport dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e presidente della commissione del programma Atleta Federiciano - Hanno anche una borsa di studio. La selezione è avvenuta tramite bando a cui gli studenti hanno partecipato inviando la propria candidatura corredata della carriera universitaria e della carriera atletica. Le domande sono state valutate insieme al CONI e al CIP".

In un videomessaggio il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha sottolineato che l’iniziativa "dimostra che la storica e formidabile tradizione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II si arricchisce di una nuova pagina, di un nuovo capitolo fatto di attenzione e sensibilità nei confronti di atlete e atleti che rappresentano il nostro Paese attraverso le tante e diverse discipline sportive presenti oggi alla cerimonia".

Per Angela Procida, campionessa mondiale paralimpica, studentessa di Ingegneria biomedica: "l’iniziativa è fondamentale per noi studenti universitari sportivi perché è necessario mettere al centro la formazione insieme allo sport. Io credo che le due cose siano complementari; non esiste università senza sport e sport senza università. È anche una grande opportunità per metterci alla pari con gli altri paesi esteri dove questa (cultura) è iniziata tanti anni fa. È giusto che in Italia e soprattutto in Campania dove ci sono grandi campioni si inizi a mettere al centro della formazione universitaria anche lo sport". Angela studia e si allena tanto: dal 10 al 14 maggio sarà a Berlino in coppa del mondo con il nuoto, a fine mese in coppa del mondo in Alabama con il paraciclismo, dal 28 luglio al 5 agosto parteciperà ai mondiali di nuoto a Manchester, dopodiché volerà a Glasgow per i mondiali di paraciclismo. E nel 2024 a Parigi alle Paralimpiadi di ciclismo.

Michele Gargiulo, pallanuotista e studente di Medicina: "Questo progetto è molto importante per noi studenti che siamo impegnati non solo nello studio ma anche nello sport. È importante che ci sostengano nella doppia carriera. Questo programma mi ha consentito di organizzare meglio lo studio perché i professori hanno iniziato a capire che lo sport toglie tempo ma è comunque importante e va portato avanti. Rappresenta un grande passo avanti per l’Università e consente di aiutare gli studenti che sportivamente sono di interesse nazionale a continuare a studiare, riuscendo a raggiungere dei risultati in entrambe le carriere. Io studio medicina, sono al primo anno e gioco a pallanuoto nella società Acquachiara, in serie A2, da due anni. In questi giorni ci giochiamo tutto per guadagnare un posto per i Play off promozione".

La campionessa paralimpica di scherma e docente federiciana di Ingegneria Chimica Rossana Pasquino evidenzia come questo programma sia di supporto agli studenti che hanno deciso di fare una dual carrier. “Non è un sostegno solamente economico, prevede presenza a ‘bordo pedana’, nel senso che c'è un supporto dall'esterno di docenti che si mettono a disposizione per recuperare lezioni, garantire sedute dedicate di esami. Secondo me si avvicina molto a quello che accade negli Stati Uniti, dove lo sport è parte integrante proprio del percorso di studi”. Nell'immediato futuro “ci sono i campionati italiani ad Acireale il prossimo mese e poi abbiamo Varsavia, gara di Coppa del mondo di qualifica a luglio, poi i mondiali a Terni quest'anno a ottobre, pensando a Parigi”.

Alessandro Sibilio, campione europeo under 23 dei 400 metri ostacoli, crede che con questa iniziativa si comincia a replicare un po’ il modello americano del college: "Per me è stato difficile conciliare entrambe lo studio e gli allenamenti. Quando si legge che un olimpionico è laureato si dice che le due cose possono coincidere, magari con una borsa di studio e un tutoraggio ad hoc le cose possono coincidere ancora meglio. Però sappiamo tutti che i grandi sportivi sono anche grandi studiosi quindi mi fa piacere sentire che sono entrambe le cose".

Tanti i testimonial federiciani che hanno raccontato la loro esperienza. Ai talenti federiciani è stata consegnata una targa, a sottolineare il loro valore di esempio, da parte dei coordinatori del triennio 2022-2025 del programma e componenti della Commissione 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

51 campioni per la Federico II

NapoliToday è in caricamento