Orti didattici: si parte a novembre

250 gli alunni delle scuole primarie napoletane che impareranno i ritmi della natura seminando, curando e raccogliendo i prodotti dell'orto

Partirà il prossimo mese di novembre la sperimentazione degli orti didattici a Napoli che dovrebbe coinvolgere 250 piccoli alunni delle scuole primarie che aderiranno all'iniziativa.

L'obiettivo - spiegano alla Commissione Scuola del Comune di Napoli - è quello di avvicinare i bambini e le loro famiglie ai temi della terra e dei cicli biologici, in modo da educarli alla sana alimentazione e al rispetto dei tempi della natura e della stagionalità dei prodotti.

Nelle prossime settimane, attraverso un avviso pubblico, saranno individuati i soggetti che forniranno le materie prime e l’assistenza tecnica per la preparazione degli spazi da adibire a orti, mentre la formazione dei docenti coinvolti sarà garantita da agronomi. Ai bambini, quindi, il compito di seminare, curare la crescita delle piantine e attendere la conclusione del ciclo vitale per effettuare la raccolta e l’assaggio dei prodotti coltivati.

Saranno messe a dimora solo piante a ciclo breve per consentire la conclusione del percorso entro la fine dell’anno scolastico: cipolle, fave, piselli e verdure stagionali come cavolo, scarola e verza. Spazio anche ai profumi di casa nostra con basilico, prezzemolo, salvia, origano, timo e menta, essenze particolarmente adatte per gli orti più piccoli, da allestire nelle scuole prive dello spazio necessario per un orto tradizionale (tra i 200 e i 400 metri quadri)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffaele Calabrò nominato vicepresidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

  • Convenzione quadro tra la Federico II e le istituzioni giudiziarie

Torna su
NapoliToday è in caricamento