Medicina: come capire se è la facoltà universitaria giusta

Dalla Federico II di Napoli un innovativo progetto di orientamento universitario per gli studenti delle superiori

Al Liceo Gian Battista Vico di Napoli,  domani mattina, 22 maggio, si parlerà di formazione e orientamento in medicina. In particolare saranno illustrati e discussi i risultati dell'edizione 2018/2019 di "Medico per un Giorno”, l'innovativo progetto per l'orientamento universitario realizzato dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli con il contributo di Fondazione Pfizer presieduta da Barbara Capaccetti.

Avviato nel 2015, il progetto è rivolto ai ragazzi del IV e V anno delle scuole superiori di Napoli e provincia che aspirano a diventare medici, ed è finalizzato a far conoscere "sul campo" i diversi aspetti della professione, in modo da cosentire una scelta pienamente consapevole del percorso universitario.

Quest'anno, per la prima volta, poliambulatori e medici si sono letteralmente trasferti nelle aule di 4 licei scelti tra Napoli e provincia, coinvolgendo gli studenti in un’esperienza di virtual reality con simulazioni di visite, esami diagnostici, dialoghi con pazienti e familiari ed anche adempimenti burocratici. 

L'esperienza, come dimostrano i risultati del questionario sottoposto ai giovani partecipanti, si è rivelata importantissima: nonostante quasi 1 studente su 2 (45%) avesse già partecipato a percorsi di orientamento, per la maggioranza è stata decisiva per la scelta definitiva.
«Con il progetto Medico per un Giorno – spiega l'ideatrice e responsabile scientifico del progetto, la Prof. Gabriella Fabbrocini, direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – abbiamo voluto proporre un modello di orientamento efficace ed innovativo che mostrasse agli studenti, praticamente, tutti gli aspetti di una professione che è anche e soprattutto una scelta di vita».

La sinergia tra mondo accademico e scuola, alla base del progetto, a Napoli è partita durante l'anno accademico 2014/2015:  "decisamente – commenta Maria Clotilde Paisio, Dirigente Scolastico del Liceo “Gian Battista Vico”  – auspichiamo che questa innovativa metodologia di approccio alle professioni, per la sua incisività, possa essere  messa a sistema nei percorsi di orientamento".

Le sessioni formative si sono svolte tra novembre 2018 e marzo 2019 ai licei G. B. Vico e Sbordone di Napoli, al Liceo Statale Nobel di Torre del Greco e al Liceo G. Siani di Casalnuovo di Napoli.  4 gli ambulatori virtuali che gli studenti hanno potuto frequenatre: cardiologia e pediatria - risultati tra i preferiti dei ragazzi - dermatologia ed endocrinologia .

Ti potrebbe interessare anche:

Sempre meno giovani scelgono Chirurgia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Italia resterà senza medici

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voucher formativi al femminile: fino a 3mila euro per le donne campane

  • Asili nido: cosa succede se un bimbo ha tosse, febbre o raffreddore?

  • Open Data, exploit della Campania: al secondo posto in Italia

  • Teatro San Carlo: che fine farà la Scuola di Ballo

  • A Barra è Scuola Viva

  • Federico II: fumata nera per il nuovo rettore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento