rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Scuola

A Napoli didattica alternativa e lezioni all'aperto per i più piccoli: la proposta

Esaminata in commissione Scuola del Comune la possibilità nella fase 2 di un progetto per la promozione del gioco e della socialità tra i bimbi

Ora che, con la Fase 2 dell'emergenza da Coronavirus, è possibile ricominciare a trascorrere del tempo fuori casa, la commissione Scuola del Comune di Napoli ha esaminato la possibilità di avviare un progetto per la promozione del gioco all'aperto e la creazione di un modello didattico alternativo alle lezioni da remoto.

L'obiettivo - ha spiegato Roberta Iacoletti, dottoranda in Scienze dell'educazione all'Università di Granada - è puntare sugli spazi verdi cittadini adattando alcune aree alle esigenze didattiche per rilanciare la socialità tra gli alunni ispirandosi ai principi della pedagogia dei talenti per implementare le cosiddette soft skills, le competenze trasversali, che possono svilupparsi solo attraverso le relazioni. Da qui l'idea di promuovere la formazione di piccoli nuclei informali tra famiglie, nei quali un adulto (un genitore, un referente individuato dal gruppo) possa accompagnare piccoli gruppi di bambini (massimo cinque) in attività di gioco all'aperto, negli spazi verdi cittadini. In questa prima fase di riapertura, ha spiegato Iacoletti, si potrebbe ricorrere alle fattispecie previste dalla normativa regionale e costituire dei gruppi. Nella successiva Fase 3, poi, le attività potrebbero essere implementate ulteriormente, ad esempio seguendo il modello già esistente della Rete delle scuole all'aperto.

Importante il contributo che la commissione Scuola potrà dare nell'ambito delle attività previste dalla delibera di Giunta "Seconda stella a destra", che indice una manifestazione di interesse per l'organizzazione di attività ludiche negli spazi cittadini per il periodo estivo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Napoli didattica alternativa e lezioni all'aperto per i più piccoli: la proposta

NapoliToday è in caricamento