Esami di Maturità: ecco come si svolgeranno quest'anno

Esami solo orali, con partenza il 17 giugno alle 8.30

Le oridnanze firmate venerdì dal Ministro per l'Istruzione Lucia Azzolina indicano come si svolgeranno quest'anno gli esami di maturità e la valutazione finale degli studenti.

Gli esami, come ha sottolineato il Ministro, “saranno il primo momento di ritorno nelle nostre aule. Il Comitato tecnico-scientifico ha fornito misure chiare e attuabili per poterli svolgere in presenza. Misure che nascono anche dal confronto con le Organizzazioni sindacali con cui è in corso una proficua collaborazione nell’interesse della scuola e della salute di tutti. Come Ministero accompagneremo dirigenti, personale, studenti in questo percorso. Abbiamo anche siglato una Convenzione con la Croce Rossa per la formazione del personale e per dare supporto alle scuole. Abbiamo poi stanziato 39 milioni, del Decreto rilancio, per attuare tutte le misure di sicurezza”. Insomma, la Maturità sarà una prova, oltre che per gli studenti per la tenuta dell'intero sistema rispetto al rischio di una ripresa massiccia dei contagi da Coronavirus. 

Le misure di sicurezza

In sede di presentazione delle ordinanze, è stato subito evidenziato che oltre alle misure di prevenzione collettive e individuali che saranno messe in atto nel contesto scolastico, c’è bisogno di una collaborazione attiva di tutti, studenti e famiglie: "Le misure proposte contano, infatti, sul senso di responsabilità di tutti per un corretto e sereno svolgimento, in sicurezza, delle procedure".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, negli istituti

  1. Sarà assicurata la pulizia quotidiana di tutti gli spazi da utilizzare.
  2. Le aule dove si tengono le prove saranno pulite anche alla fine di ogni sessione d’esame (mattina/pomeriggio).
  3. Ci saranno percorsi predefiniti di entrata e uscita.
  4. I locali dovranno essere ben areati.
  5. Previsto il distanziamento di 2 metri fra candidati e commissari e fra gli stessi commissari.
  6. Sarà necessario indossare la mascherina. Gli studenti potranno abbassarla nel corso del colloquio, ma restando a distanza di sicurezza di 2 metri.
  7. Non sono necessari i guanti: negli istituti ci saranno prodotti igienizzanti.
  8. Ogni candidato potrà portare con sé al massimo un accompagnatore e anche lui dovrà rispettare le misure di distanziamento e indossare la mascherina.

L'ammissione agli esami

  1. La valutazione avverrà sulla base di quanto effettivamente svolto nel corso dell’anno, in presenza e a distanza.
  2. Gli alunni potranno essere ammessi alla classe successiva anche con voti inferiori a 6 decimi, in una o più discipline.
  3. Chi è ammesso con insufficienze o, comunque, con livelli di apprendimento non pienamente raggiunti, avrà un piano individualizzato, predisposto dai docenti, per recuperare quanto non ha appreso. L’integrazione degli apprendimenti partirà da settembre e potrà proseguire, se necessario, durante tutto l’anno scolastico 2020/2021.
  4. La possibilità di non ammettere all’anno successivo è prevista solo in casi molto specifici.

Come si svolgerà la maturità 2020 

  • Gli esami avranno inizio il 17 giugno alle ore 8.30.
  • Quest’anno gli studenti sosterranno soltanto il colloquio orale.
  • I crediti e il voto finale si baseranno sul percorso realmente effettuato.
  • Il credito del triennio finale è stato rivisto: potrà valere fino a 60 punti, anziché 40, come prima dell’emergenza.
  • La prova orale si svolgerà in presenza (a meno che le condizioni epidemiologiche non lo consentano e con specifiche deroghe per casi particolari) davanti a una commissione composta da sei membri interni e un Presidente esterno.
  • Ciascun candidato discuterà, in apertura di colloquio, un elaborato sulle discipline di indirizzo, trattando un argomento concordato che sarà assegnato dai docenti di quelle discipline a ogni studente entro il 1° giugno.
  • Seguirà la discussione di un breve testo studiato durante l’ultimo anno nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana.
  • Saranno poi analizzati materiali, coerenti con il percorso fatto, assegnati dalla commissione.
  • In chiusura, saranno esposte le esperienze svolte nell’ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento e accertate le conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione” secondo quanto effettivamente svolto dalla classe.
  • Al colloquio orale si potranno conseguire fino a 40 punti.
  • Il voto massimo finale possibile resta, infatti, 100/100. Si potrà ottenere la lode. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
NapoliToday è in caricamento