rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Scuola

Come si gestisce una crisi epilettica: il progetto della "Giustino Fortunato" nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro

Circa un mese per imparare tutto su questa patologia molto più diffusa di quanto si ritiene

All’Istituto Statale di Istruzione superiore “Giustino Fortunato” di Napoli parte il prossimo 18 ottobre un progetto decisamente nuovo, di alternanza scuola lavoro sulla gestione delle crisi epilettiche che sono assai più diffuse e frequenti, in tutte le età, di quanto generalmente si ritiene.

Nessuno è escluso

“Nessuno è escluso. L’epilessia nella società contemporanea: esperienze e buone prassi per una cultura dell’inclusione”, questo il nome del progetto, durerà circa un mese, ed è stato voluto e organizzato dall’associazione E.C.O. – Epilessie Campania OdV guidato dal presidente Rossella Giaquinto con i membri del direttivo Maria Rosaria Annunziata e Anna Stilo, in collaborazione con i medici del Centro Epilessia dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli.

Il progetto

L'iniziativa prevede un ciclo di 15 ore di formazione per le classi terze e le quarte dell’ISIS, ed è finalizzata a promuovere forme di cittadinanza attiva e pratiche di solidarietà sociale nelle giovani generazioni, illustrando agli studenti cosa sia l’epilessia, come si manifesta, come si gestiscono le crisi, e come ci si rapporta con chi ne soffre.

"Arricchire il bagaglio formativo dei ragazzi e creare nuove competenze da utilizzare in campo lavorativo attraverso empatia, ascolto, solidarietà, sostegno e lavoro in team è ciò che ci si aspetta - spiegano gli organizzatori - un modo per educare le nuove generazioni al rispetto delle diversità attraverso attività che potrebbero anche porre le basi per sviluppare competenze nell’ambito dell’economia sociale e allo stesso tempo provare a non lasciare nessuno dietro, garantendo integrazione a soggetti svantaggiati. La scelta è per una formula educativa informale, metodo strettamente legato agli obiettivi che si intendono raggiungere, attraverso l’inclusione dei ragazzi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come si gestisce una crisi epilettica: il progetto della "Giustino Fortunato" nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro

NapoliToday è in caricamento