Sabato, 20 Luglio 2024
Scuola Castellammare di stabia

Super coprifuoco per i giovani dai 14 ai 24 anni: sui social la protesta contro la "discriminazione generazionale"

A Castellammare di Stabia coprifuoco anticipato alle 18, ma solo per i giovani. "Non siamo noi gli untori", spiegano

ScuolaZoo, il portale più frequentato dagli studenti di tutta Italia, ha lanciato una "call to action" in relazione al provvedimento adottato dall'Amministrazione comunale di Castellammare di Stabia che impone un super coprifuoco per i giovani di età compresa tra i 14 e i 24 anni.

Le stories

"Abbiamo fatto una stories con un rappresentante d'istituto di una scuola di Castellammare - spiega Raffaele Di Staso di ScuolaZoo - che ripercorre la vicenda". 

I giovani stanno rispondendo alla call to action mandando le loro foto o filmati, legati in casa, con il cartello "io non posso uscire".

"Che cos'è questa se non discriminazione generazionale? - chiedono da ScuolaZoo - il coprifuoco è anticipato alle 18, ma solo per chi ha tra i 14 e i 24 anni. Per tutti gli altri il divieto scatta dalle 20.00. Non è certo la prima volta che i ragazzi sono trattati come untori e irresponsabili: colpa loro la movida, colpa loro gli assembramenti sui bus, e sono loro a fregarsene delle persone più fragili. Ma non è così".

Zona rossa

Ovviamente, l'inserimento della nostra regione in zona rossa fino al prossimo 6 aprile ha, almeno temporaneamente, risolto la questione, dal momento che - come da ultimo DPCM, il primo dell'era Draghi in tema di misure anti-Covid - nelle zone rosse non ci si può spostare in entrata o uscita, e neanche all’interno se non per motivate esigenze di lavoro, salute e necessità.

Resta comunque aperta la questione di una generazione costretta all'isolamento e sottoposta a pressioni non indifferenti in termini di generale disapprovazione proprio per per il bisogno, naturale, di condividere, conoscere e stare assieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Super coprifuoco per i giovani dai 14 ai 24 anni: sui social la protesta contro la "discriminazione generazionale"
NapoliToday è in caricamento