Dal Trentino in visita a Napoli per fare esperienza di legalità

Gli studenti di un liceo trentino in gita scolastica a Napoli per vedere come è possibile trasformare la periferia in luogo di straordinaria bellezza

Due classi del liceo Martino delle scienze umane "Martini" di Mezzolombardo hanno visitato la scorsa settimana luoghi e storie di impegno educativo e civile a Napoli:  un vero viaggio “sociale” che ha portato gli studenti trentini nelle periferie di Napoli, tra associazioni e fondazioni che operano per trasformare zone e quartieri dimenticati in straordinari luoghi di bellezza e inclusione.

Gli studenti trentini hanno incontrato gli operatori di Officine Gomitoli, presidio di accoglienza e formazione sui temi legati a cittadinanza, intercultura e seconde generazioni nel cuore di Napoli, e della cooperativa sociale Terra e libertà a San Giovanni a Teduccio. Hanno inoltre partecipato ad un laboratorio di arti grafiche sociali presso la Fondazione ARTUR, nata su iniziativa di Maria Luisa Iavarone a seguito dell’aggressione subita nel dicembre 2017dal figlio Arturo da parte di alcuni ragazzini: gli studenti del Martino sono stati introdotti dagli allievi del master per “Esperto in educazione motoria e sportiva per l’inclusione sociale e la prevenzione del rischio” dell’Università “Parthenope” insieme con il fumettista Davide Bozza  nelle metodologie e tecniche di ingaggio educativo. Tappa anche al teatro NEST, vero punto di riferimento culturale della periferia est di Napoli dove hanno potuto assistere a “Se questo è un uomo” di Primo Levi, rivisitato e interpretato da Daniele Salvo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla pagina web del liceo trentino la prof.ssa Maria Giovanna Franch scrive: "Il cosiddetto turismo scolastico sociale  dovrebbe forse rientrare a pieno titolo nei piani dell’offerta formativa delle scuole, così come a tutti i ragazzi dovrebbe essere garantita l’opportunità di immergersi in contesti apparentemente lontani dalla propria biografia e dalla propria storia. La pratica del fare, della relazione e del mettersi in gioco è davvero una via privilegiata per attivare meccanismi di crescita personale e apprendimento più profondi ed efficaci, soprattutto per quei ragazzi - tra cui i trentini - che non vivono in contesti di particolare pericolosità sociale, ma che sono comunque esposti a un diffuso fenomeno di degrado culturale" . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Open Data, exploit della Campania: al secondo posto in Italia

  • Eletto il nuovo rettore della Federico II

  • Federico II: fumata nera per il nuovo rettore

  • Apple Academy di Napoli: ancora pochissimi giorni per iscriversi al test di ammissione

  • A Barra è Scuola Viva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento