Teatro San Carlo: che fine farà la Scuola di Ballo

In corso le verifiche sanitarie ed ambientali per gli adeguamenti alle normative anti-CoVid

La Fondazione Teatro San Carlo è intervenuta con un apposito comunicato sulla questione della riapertura della Scuola di Ballo, tra le più rinomate nel nostro Paese per la preparazione di ballerini classici professionisti.

"In ottemperanza al Dpcm che proroga fino al 7 ottobre 2020 lo stato di emergenza, e nel rispetto della nuova ordinanza regionale che pospone al 24 settembre l’apertura delle scuole in Campania - si legge nel comunicato - la Fondazione Teatro di San Carlo ribadisce il proprio impegno nel riaprire la Scuola di Ballo in assoluta sicurezza e nel pieno rispetto delle norme anti-Covid".

Al San Carlo, spiegano, si sta lavorando per garantire l’adeguamento e l’osservanza di tutte le normative vigenti e sono in corso verifiche e accertamenti per garantire tutte le condizioni necessarie alla ripresa in sicurezza delle attività della Scuola, dal distanziamento fisico all’igienizzazione degli ambienti, dagli ingressi differenziati e regolamentati in modo da evitare assembramenti e aggregazioni oltre al rilevamento quotidiano della temperatura corporea sia per i docenti che per gli allievi.

"Sono in corso sopralluoghi e verifiche ambientali e sanitarie oltre che di logistica per gli adeguamenti opportuni secondo le normative vigenti in Campania - conclude l'Ente - e, non appena si concluderanno le valutazioni per garantire la tutela della salute di tutti, il Teatro San Carlo comunicherà la data di riapertura della scuola di ballo, che il Teatro è fiducioso avverrà in tempi brevi".

Gli aggiornamenti sulla riapertura della Scuola saranno pubblicati sulla pagina web dell'Ente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola, da lunedì didattica in presenza anche la terza classe delle elementari

  • Federico II: il nuovo rettore presenta la sua squadra

  • Il plesso La loggetta di via Ciaravolo tornerà interamente funzionante

  • Forum Regionale dei Giovani della Campania: tempo di bilanci

Torna su
NapoliToday è in caricamento