Ceramica e musica per trasformare la vita dei minori a rischio

Sono state presentate in Consiglio regionale le attività ed i laboratori per i minori a rischio: i dettagli

Presentate in Consiglio regionale le attività ed i laboratori per i minori a rischio promosse dall'Ufficio del Garante per i diritti dei detenuti, grazie ai contributi stanziati dall’assessorato regionale alle politiche sociali.

“Queste iniziative – ha sottolineato il Garante, Samuele Ciambriello - sono una educazione alla speranza, una forza che impegna il presente dei ragazzi e li motiva a trasformare la loro vita".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiuso il laboratorio di ceramica durato tre mesi e realizzato presso il carcere minorile di Airola dall’Associazione alla promozione sociale "Tarita", a breve, nella stessa struttura, grazie al sostegno di un gruppo di volontari, inizierà anche un corso di musica. Presto, inoltre, saranno attivati specifici corsi di formazione, con qualifica professionale, promossi dalla Regione. Particolarmente commovente l'intervento in conferenza stampa della Direttrice dell’Istituto Minorile di Airola Marianna Adanti che, rivolgendosi ai ragazzi della struttura, ha detto: "Non siete abbandonati e mai lo sarete, non pensate mai una cosa del genere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come cambierà l'insegnamento dopo la pandemia da Coronavirus

  • Facoltà a numero programmato: i test d'ingresso potrebbero tenersi online

  • Università: in risposta all'emergenza Coronavirus Coursera offre corsi gratuiti agli italiani

  • Facoltà a numero programmato: le date delle prove per il nuovo anno accademico

  • Dispositivi digitali: fino al 31 marzo si arricchisce l'elenco di quelli acquistabili con la carta del docente

  • Mascherine: produzione sperimentale dalla collaborazione tra Federico II e amministrazione penitenziaria della Campania

Torna su
NapoliToday è in caricamento