Dal nostro territorio un progetto europeo contro l'isolamento sociale

Si chiama “kHIK it" ed è stato elaborato dall’associazione di promozione sociale Akira e co-finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea

Parte dal nostro territorio il progetto “kHIK it" – Strategie per intercettare i più giovani a rischio di isolamento sociale.

Elaborato dall’associazione di promozione sociale Akira e co-finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea, il progetto riunisce formatori, educatori ed animatori socio-educativi di nove organizzazioni senza scopo di lucro provenienti da otto Paesi europei per rispondere a quella che si presenta come la nuova emergenza del disagio giovanile. L’isolamento sociale volontario, infatti, risulta sempre più frequente e diffuso nella fascia d'età che va dai 14 ai 30 anni. “kHIK it” intende analizzarne le caratteristiche coinvolgendo operatori giovanili e professionisti provenienti da vari settori, direttamente e indirettamente connessi alla tematica, per favorire un approccio multidisciplinare ed integrato alla comprensione e al contenimento.

Nel corso di dieci mesi, saranno realizzati focus group in Bulgaria, Grecia, Italia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Ungheria, un seminario internazionale a Napoli nel mese di luglio, e workshop negli istituti scolastici delle varie realtà locali, scambiando esperienze, strategie e buone pratiche per definire linee d’intervento adatte ad intercettare e recuperare i giovani in condizione o a rischio di isolamento sociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A realizzare le attività, in partenariato con Akira, saranno le organizzazioni no-profit TEAM4Excellence e Sprijin si Dezvoltare (Romania), Contextos (Portogallo), Fundacja "Zielony Slon" (Polonia), Hidak Ifjúsági Alapítvány (Ungheria), G.U.I.D.E. (Bulgaria), The Network of Youth Engagement (Grecia) e Youth BCN (Spagna).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come cambierà l'insegnamento dopo la pandemia da Coronavirus

  • Federico II, dal 16 marzo online 2.600 docenti per corsi, esami e lauree

  • Università: in risposta all'emergenza Coronavirus Coursera offre corsi gratuiti agli italiani

  • Facoltà a numero programmato: le date delle prove per il nuovo anno accademico

  • Dispositivi digitali: fino al 31 marzo si arricchisce l'elenco di quelli acquistabili con la carta del docente

  • Giornalismo investigativo: lunedì il corso online del Suor Orsola Benincasa

Torna su
NapoliToday è in caricamento