Carcere di Poggioreale: il film “Sulla mia pelle”

Nel Padiglione Genova della casa circondariale è entrato un gruppo di volontari tra cui anche i fumettisti Kevin Scauri, Maurizio Lacavalla, Jazz (Gianluca Manciola) e Nova

La proiezione all’ Ex Opg ‘Je so pazzo del film “Sulla mia pelle”, che racconta la morte di Stefano Cucchi, e la discussione che ne è seguita ha fatto nascere un gruppo di volontari che per quasi un anno, come consentito dall'ordinamento penitenziario, è entrato settimanalmente nella Casa circondariale di Poggioreale, e precisamente nel Padiglione Genova, con l'obiettivo di provare a ribaltare l'immaginario collettivo sulla figura dei reclusi e al tempo stesso combattere l'alienazione cui la detenzione porta e la conseguente disumanizzazione.  "Quasi inesistenti sono i progetti formativi - spiega un comunicato dei volontari - che permetterebbero l’indirizzamento e la creazione di una possibile opportunità per il reinserimento post pena".

Dagli incontri con i volontari è emersa la volontà dei reclusi del Padiglione Genova di raccontarsi e da qui l’idea di realizzare un fumetto come strumento di comunicazione - immediata e facilmente accessibile - di storie, problematiche, sogni, sofferenze di chi vive all'interno di Poggioreale. Nasce così "La voce degli invisibili" realizzato dagli artisti  Kevin Scauri, Maurizio Lacavalla, Nova, Jazz (Gianluca Manciola) , che con il gruppo di volontari hanno incontrato i reclusi e ne hanno ascoltato le storie. Alla stesura del volume, articolato in quattro episodi, hanno partecipato anche l’Associazione Antigone, da anni impegnata per i diritti dei detenuti, Don Franco Esposito cappellano di Poggioreale, che offre un’alternativa alle persone recluse attraverso l’Associazione Liberi di Volare Onlus, e Daniela Falanga presidente di Arcigay Antinoo Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Crediamo fortemente che sia necessario creare un ponte costante tra ciò che avviene all’interno delle mura del carcere e la società esterna", spiegano i volontari, che presenteranno il fumetto il prossimo 14 febbraio, alle 18.30, presso l’Ex Opg ’Je so Pazz di via Imbriani 218. Tra gli altri interverranno  Kevin Scauri e Jazz Manciola, fumettisti e autori, Franco Esposito e Daniela Lourdes Falanga 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento