Premio Mediterraneo “Amici delle acque”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Si rinnova l'appuntamento con il Premio Mediterraneo "Amici delle acque". L'undicesima edizione del riconoscimento ideato ed organizzato dall'Arci Pesca Fisa Campania presieduta dal cavalier Giorgio Montagna si svolgerà sabato mattina (ore 9,00) nel salone del Reale Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli con la cerimonia di consegna del "Nettuno 2012".

Dopo un'accurata selezione da parte della Commissione Fisa per le nomination, il premio e gli attestati saranno consegnati a coloro che si sono distinti per studi ed iniziative nell'ambito della diffusione della cultura della tutela delle acque marine e fluviali. L'organizzazione vuole, inoltre, divulgare l'educazione ambientale in un contesto ricco di bellezze naturali e paesaggistiche, i valori della pace e del confronto tra le culture in una città come Napoli, da sempre luogo d'incontro di diversi popoli.

Sin dalla sua nascita, l'iniziativa è stata pensata, elaborata e costruita per essere ospitato nella città di Napoli, l'antica Partenope, là dove la conca del suo Golfo si riempie di brezza marina, sventolando vessilli della natura e della cultura. Nella sua cornice storico-mitologica, l'estro di una mano misteriosa ha saputo dipingere tutte le armonie e le atmosfere del creato, veri e propri paradisi dell'anima, dove è possibile ammirare ricami delle coste, degli antri e degli anfratti. Neapolis, mediterranea culla di molte culture e coacervo di popoli, fertile giardino di idee, dove la natura ha donato alcuni dei suoi più bei fiori: il forte senso della vita è un ricco patrimonio di valori. I buoni propositi e le sensibilità sono blocchi di marmo da cui può nascere una coscienza ambientalista. Esse vanno tirate fuori e valorizzate, affinché vibrino le corde del buon senso, di altri cuori, di altre menti.

 

UFFICIO STAMPA DIALOGOS - ANDREA DI NATALE

Torna su
NapoliToday è in caricamento