Un Dicembre magico al Museo del Sottosuolo

Tornano gli appuntamenti con il Museo del Sottosuolo. Visite guidate di venerdì, sabato e domenica ed eventi suggestivi. Si parte sabato 15 con una riambientazione medievale targata Reenactment Society. Si continua domenica 16 , alle 18, con lo spettacolo "Vulio" degli Extravagantes. Finale poetico con "Luce dal Sottosuolo", evento curato da Simona Perchiazzi. Per addentrarsi nelle viscere della terra e scoprirne i tesori con guide d'eccezione.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Tornano le iniziative del Museo del Sottosuolo di Napoli (piazza Cavour 140).
Visite guidate speciali per tutto il mese di dicembre di venerdì, sabato e domenica alle ore 10.00, 12.00, 14.00, 16.00 e 18.00.
Un modo per conoscere i misteri della Napoli che vive e si è sviluppata all'ombra, tra cunicoli, cisterne ed antichi acquedotti romani, poi riconvertiti durante il secondo conflitto mondiale, in rifugi antiaerei.
Uno strumento per addentrarsi in come si viveva in diverse epoche e per conoscere dal vivo le varie destinazioni d'uso.
Per toccare con mano le espressioni della fede, della paura, della speranza, ma anche i tanti risvolti della vita quotidiana, spostatasi dalla luce del sole al sottosuolo.
Tante, poi, le espressioni delle bellezze naturalistiche che il cuore della cela in sé: dai cristalli naturali alle foto ed alle ricostruzioni in 3 D delle esplorazioni speleologiche.
Il tutto accompagnati da esperti, animati da profonda passione ma anche da professionalità e rigore.
GLI EVENTI IN PROGRAMMA
Un ricco programma di eventi attende i visitatori delle viscere della terra.
Si parte sabato 15 dicembre con una ricostruzione medievale (gli orari coincidono con quelli delle visite, suddivise tra mattina e pomeriggio) organizzata in collaborazione con la Reenactment Society (www.reenactmentsociety.org).
Si tratta, secondo quanto spiega Luca Cuttitta presidente dell'associazione La Macchina del Tempo che gestisce il Museo, di una vera e propria riambientazione medievale all'interno della splendida cornice del Museo del Sottosuolo.
Sarà così possibile visionare tre tipici mestieri ed attività proprie del periodo compreso tra il XII e il XIII secolo. Naturalmente, nella medesima occasione, ci sarà anche la possibilità di visitare il museo stesso.
Durante la giornata del 15 dicembre sarà anche possibile accostarsi all'universo della scherma storica, una delle attività patrocinate dalla Reenactment Society, in collaborazione con le sale di scherma storica campane.
Proprio per questo saranno presenti alcuni atleti e istruttori dell'arte del combattimento che
presenteranno le attività svolte nelle palestre inerenti quest'arte combattuta a colpi di spada, daga e pugnale, lo show fighting, caratterizzato da vari stili di combattimento, e lo studio dei trattati storici.
La quota di partecipazione, comprensiva di visita al Museo, è di 15 euro.
GLI SPETTACOLI
Domenica 16 dicembre alle ore 18.00 l'appuntamento è con lo spettacolo "Vulio" messo in scena dalla compagnia Extravagantes.
Il "vulio" , termine tipicamente partenopeo, rappresenta la suprema voluttà, la voglia di sentire la mancanza e quindi provare e riprovare la brama di soddisfare un bisogno, il tendere spasmodicamente verso qualcosa.
Protagonisti, quindi, i mille volti del desiderio, fisico e mentale, le cui spire avvolgono l'essere umano, tenendolo avvinto alla terra ed a questa vita. E' nell'oscurità dell'animo umano, nei suoi anfratti segreti, che assomigliano a quelli delle viscere della terra, che nascono voglie e desideri.
E' per questo che "Vulio" prende corpo proprio nelle viscere della terra partenopea.
Una ninna nanna e assieme una serenata segreta dedicata ai mille calori ardenti di "un popolo che non ha intenzione di morire".
La quota di partecipazione, comprensiva di visita al Museo, è di 15 euro
I cunicoli sotterranei sabato 22 dicembre si animano con "Luce del Sottosuolo", evento curato da Simona Perchiazzi (www.luminarianapoli.it; 366 534 20 61).
Dall'incontro con la realtà ed il fascino del Museo del Sottosuolo nasce "Lungo le pendici della gola", di TeatrInGestAzione ,uno degli episodi creativi che fanno parte di AvVento un'opera sistemica pluriennale.
I diversi episodi di volta in volta vengono rielaborati in dialogo con gli spazi e i nuovi corpi che attraversano.
Al centro dell'episodio il confine tra la pelle (la parte visibile) della Città delle Sirene, e le sue viscere nascoste. Ogni confine è una ferita, come ricordano gli organizzatori, perché interrompe un'ideale linea di continuità territoriale e identitaria, e va rimarginata
Ha così origine una meditazione filosofico-visionaria sui confini, su cosa significhi attraversarli ed
oltrepassarli. "Confini tra i territori, fra le lingue, margini della visibilità, confini che
segnano il limite del corpo. Confini di luce, che separano il visibile dall'invisibile, attraversati nel tentativo di conquistare la possibilità di vedere oltre la visione".
Il risultato, ottenuto attraverso un sapiente e suggestivo gioco di luci, è un insieme di percorsi, che dischiudono sorprendenti e inattesi panorami poetici.
Gli spettacoli si terranno alle ore 18.00, 20.00 e 22.00.
Alla fine della performance organizzatori ed artisti saranno lieti di condividere con il pubblico un momento conviviale con un buon tè caldo.
La quota di partecipazione, comprensiva di visita al Museo, è di 15 euro.
Per maggiori informazioni:
Museo del Sottosuolo, piazza Cavour 140, www.lamacchinadeltempo.info.
Addetto Stampa Dr.ssa Tania Sabatino.
E-mail ufficiostampalmdt@gmail.com.
Mobile: 320-5741842
Torna su
NapoliToday è in caricamento