Tracce invisibili, mostra di fotografia e pittura

Gli Artisti dell’Associazione Archivi Ventrone tornano con una nuova mostra collettiva Tracce Invisibili a cura di Marco Ticozzi. Questa volta l’appuntamento è nel cuore di Napoli, presso il Complesso Monumentale di San Gennaro all’Olmo dove la mostra, promossa dalla suddetta Associazione in collaborazione con la Fondazione Gian Battista Vico, sarà ospitata dal 20 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018.

Luca Abbadati, Grazia Cucco, Miranda Gibilisco, Massimiliano, Ilaria Morganti e Tania Naumchik tornano a proporci la loro visione della realtà: “Così come negli ideogrammi il riferimento primigenio era la forma delle cose sensibili, essi ne indagano l’intima essenza traendone elementi costitutivi che ampliano la narrazione verso l’immaginifico e il recondito sorprendente” (M. Ticozzi).

Come Ticozzi ci fa notare, il luogo che fa da sfondo alle opere degli artisti è davvero suggestivo:
Nel cuore di Napoli - dove palpitano e si avvertono le compresenze di spiritualità e concretezza della vita quotidiana, di sacro e profano, di ricerca scientifica e filosofica, che convivono animate dal misticismo in un continuo dialogo tra vita e morte, intelletto e cuore - nella chiesa conosciuta per “l’olmo che c’era” e ha lasciato traccia (invisibile) nel nome suo stesso, prende forma una mostra di artisti che partono dal linguaggio condiviso e riconosciuto della rappresentazione del reale.

L’osservatore è rapito dal continuo gioco del dipinto che sembra fotografia e dalla fotografia che appare come un dipinto. Le opere sono inserite in modo così naturale in un contesto così significativo da renderne lo sfondo ancora più affascinante. Dal complesso generale, lo spettatore vien poi ipnotizzato dai particolari delle singole opere, particolari che, da soli, narrano qualcosa di nuovo e profondo man mano che il campo visivo viene ridimensionato.

La mostra si presenta dunque come una continua scoperta dove “Il segreto è l’attenzione allo sviluppo di un tema che diventa concetto o simbolo, mentre la rotta è tracciata dalla ricerca del particolare.”

Gli artisti saranno presenti alla serata inaugurale mercoledì 20 dicembre alle ore 18:30, pronti a rispondere a domande e curiosità.

INFORMAZIONI

Mostra: Tracce Invisibili
Sede: Complesso Monumentale di San Gennaro all’Olmo, via San Gregorio Armeno 35, Napoli
Apertura al pubblico: 20 dicembre 2017- 7 gennaio 2018,
Orari: Tutti i giorni eccetto i festivi dalle 10:00 -13:00 e dalle 16:00 – 19:00
Biglietto: Ingresso Gratuito
Curatore: Marco Ticozzi
Organizzazione: Associazione Archivi Ventrone in collaborazione con la Fondazione Gian Battista Vico
Inaugurazione: mercoledì 20 dicembre ore 18:30
Per Informazioni:
Tel: 095.317654 /348.972699/380.3025309
email info@associazionearchiviventrone.com
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Gli Etruschi e il MANN: la grande mostra al Museo Archeologico di Napoli

    • dal 12 giugno 2020 al 31 maggio 2021
    • Mann- Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Arte Contemporanea, in mostra "Paolo La Motta. Capodimonte incontra la Sanità"

    • dal 18 febbraio al 19 settembre 2021
    • Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Certosa di San Giacomo, prorogata la mostra "Fons vitae" di Antonio Ievolella

    • dal 3 febbraio al 30 aprile 2021
    • Certosa di San Giacomo

I più visti

  • Dal Moiariello alla Sanità: alla scoperta della "collina gentile"

    • 24 aprile 2021
    • Capodimonte ingresso Porta Grande
  • Tour Napoli Celata: Dal Giardino segreto alla Chiesa del Re maledetto

    • dal 26 gennaio al 31 luglio 2021
    • Napoli
  • Gli Etruschi e il MANN: la grande mostra al Museo Archeologico di Napoli

    • dal 12 giugno 2020 al 31 maggio 2021
    • Mann- Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Trianon, tutti i concerti e gli spettacoli in programma per la stagione 2020/2021

    • dal 30 ottobre 2020 al 16 maggio 2021
    • Teatro Trianon Viviani
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    NapoliToday è in caricamento